Caso Antoci, i pm contro l'Antimafia: "Nessuna ombra, indagini regolari" :ilSicilia.it
Palermo

Cavallo contro la relazione della Commissione Regionale

Caso Antoci, i pm contro l’Antimafia: “Nessuna ombra, indagini regolari”

15 Ottobre 2019

Per quanto riguarda l’inchiesta del caso Antoci ribadisco con forza avendo partecipato alle indagini, la loro assoluta correttezza e non sono d’accordo con le censure avanzate dalla Commissione regionale Antimafia. Non posso entrare nello specifico su questo aspetto perché non appartengo alla procura di Messina ma sono il capo della procura di Patti, dovrà essere il procuratore di Messina ad intervenire“. Lo ha detto stamani il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, a margine della conferenza stampa a Messina per l’arresto di due rapinatori a Brolo, rispondendo alle domande dei giornalisti sulla relazione dell’Antimafia regionale sul fallito attentato all’ex presidente del parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci la notte tra il 17 e il 18 maggio 2016, e sulla morte dei poliziotti del commissariato di polizia di Sant’Agata di Militello Tiziano Granata e Rino Todaro, deceduti dopo l’attentato ma per cause finora definite naturali. Granata era giunto sul luogo dell’agguato poco dopo col vicequestore Daniele Manganaro, mentre Todaro s’interessò all’inchiesta come investigatore.

Fava
Claudio Fava

Ho letto in moltissimi giornali – ha aggiunto – che la commissione regionale antimafia, presieduta dall’onorevole Claudio Fava avrebbe auspicato la riapertura delle indagini per la morte dell’assistente capo Tiziano Granata. Ma ho letto la relazione e questo non viene detto, quindi smentisco questo dato. La commissione invece ha detto che considera la vicenda chiusa. La commissione regionale dice invece che l’autorità giudiziaria per quanto riguarda la morte di Tiziano Granata e di Rino Todaro ha fornito le risposte dovute“.

I consulenti della commissione regionale antimafia – ha detto Cavallo – hanno escluso il collegamento tra queste morti e l’attentato Antoci e hanno confermato che entrambi i fatti, nonostante la coincidenza della loro morte sia inquietante, siano dovuti a eventi naturali. Vengono riportate nella relazione della commissione anche mie parole quando parlando di Granata ho detto sono pronto a riaprire le indagini in presenza di spunti seri, che però allo stato non ci sono“.

 

 

LEGGI ANCHE:

Attentato ad Antoci? “Tracce di mafia in questa vicenda non ce ne sono” | VIDEO INTERVISTA

Caso Antoci e morti misteriose dei poliziotti. Testimonianze choc all’Antimafia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.