Caso Biondo, la famiglia: "È un omicidio con depistaggio, si continui a indagare" :ilSicilia.it
Palermo

l'appello della madre del cameraman

Caso Biondo, la famiglia: “È un omicidio con depistaggio, si continui a indagare”

di
8 Luglio 2020

“Non esiste nessuna prova che dimostri che Mario Biondo si sia suicidato. Siamo di fronte ad un omicidio con successiva messa in scena e depistaggio sulla scena del crimine, per questo chiediamo ai magistrati di continuare ad indagare affinché si faccia giustizia su questo caso. Chi ha ucciso Mario non può farla franca”. Lo afferma la madre di Mario Biondo, Santina Biondo che così torna a ribadire l’incrollabile convinzione che Mario Biondo, il cameraman palermitano trovato morto la sera del 30 maggio 2013 nell’appartamento della moglie Raquel Sanchez Silva in Spagna.

Il caso Biondo è la cronaca di una morte senza un perché e che ancora oggi suscita tanti dubbi, eppure la data del 21 luglio rischia di scrivere la parola fine su questa triste storia, perlomeno su quella giudiziaria. I magistrati palermitani hanno chiesto l’archiviazione e, di fatto, se così andranno le cose verrebbe confermata, in tribunale, la pista del suicidio alla quale invece la famiglia non ha mai creduto.

Si fa sempre più concreta la prospettiva che il caso possa essere chiuso e catalogato come suicidio ma la famiglia di Mario non ci sta e non smette di inseguire la verità. E va avanti con indomita determinazione, con orgoglio e dignità, anche se la via verso la verità si fa sempre più stretta e impervia.

Le risultanze della terza autopsia eseguita sul corpo di Biondo, nella fase conclusiva del 2019, hanno riproposto la pista del suicidio e per questo i magistrati della Procura generale di Palermo hanno deciso di avanzare richiesta di archiviazione del caso. La famiglia Biondo, invece, vuole si continui ad indagare per far luce sulle tante anomalie e le troppe contraddizioni che caratterizzano l’intera vicenda. Il 21 luglio ci sarà l’udienza in tribunale a Palermo e la famiglia ha presentato istanza per opporsi alla chiusura delle indagini.

“In quella giornata – dichiara mamma Santina – ci sarà il dibattimento al Tribunale di Palermo, i nostri avvocati Carmelita Morreale e Fabio Falcone si batteranno affinché il caso non venga archiviato. Per coloro che desiderano sostenerci e ne hanno la possibilità, organizzeremo un sit-in a Piazza della Memoria a partire dalle ore 9:00. Intanto preghiamo e auspichiamo che lo Spirito Santo possa illuminare e guidare il Gip”.

Se dovesse esserci l’archiviazione del caso in Italia, la famiglia ha già preannunciato – e ha confermato in tal senso anche in queste ore – che farà ricorso presso la Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE) per opporsi all’eventuale chiusura delle indagini e per continuare a produrre atti che possano dimostrare che Mario Biondo non si è tolto la vita ma è stato ucciso.

Il 30enne camereman palermitano è stato forse messo a tacere e sulla sua morte sono entrati poi in gioco “personaggi potentissimi”, correi dell’autore materiale del delitto, come continua a sostenere la famiglia del ragazzo? “Ci chiedono di dimostrare che sia stato un omicidio – ribadisce mamma Santina -. Allo stesso modo, però, anche il suicidio deve essere dimostrato e in questi 7 anni non è mai emerso nessun valido e oggettivo riscontro che porti il caso in quest’ultima direzione”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.