Caso Denise Pipitone, Angioni: "Mio processo scaccia via silenzio e oblio" :ilSicilia.it
Trapani

IL FATTO

Caso Denise Pipitone, Angioni: “Mio processo scaccia via silenzio e oblio”

di
11 Gennaio 2022

La ricerca della verità per Denise Pipitone è chiaramente una maratona, con diversi ostacoli per giunta, e non certo una strada facile o veloce. Il processo che mi coinvolge ha delle fasi e decisioni tecniche, che occorre rispettare salva ogni valutazione, di volta in volta, secondo le facoltà che le leggi mi riconoscono in quanto imputata”.

Lo scrive sul suo profilo Facebook il giudice Maria Angioni, sotto processo, in Tribunale, a Marsala, per false informazioni al pm nell’ambito di indagini sul sequestro della bambina sparita a Mazara del Vallo il primo settembre 2004. Un caso che tra i primi investigatori ha visto proprio la Angioni, quando era pm a Marsala. Adesso, è accusata di avere riferito, lo scorso anno, il falso in tre circostanze parlando di “depistaggi” nelle prime indagini dopo il sequestro.

Non preoccupatevi o protestate di fronte ad alcuni provvedimenti – aggiunge, adesso, l’ex pm su Fb – è una cosa che mi crea dispiacere anche come magistrato. Il mio processo è sempre un importante veicolo di interesse per la vicenda, per la bambina che fu rapita, per la ragazza che speriamo riabbracci la famiglia. Contribuisce a tenere sveglia l’attenzione, riattiva le discussioni e le riflessioni mediatiche e sui social, scaccia via il silenzio e l’oblio: in attesa e nella speranza, ovviamente, di una svolta, e di una buona notizia“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.