Caso Diciotti, la posizione dei 5 Stelle sul ministro Salvini la deciderà la Rete :ilSicilia.it

i grillini voteranno sulla piattaforma Rousseau

Caso Diciotti, la posizione dei 5 Stelle sul ministro Salvini la deciderà la Rete

di
16 Febbraio 2019

Sul caso Diciotti il governo nazionale rischia di cadere nel caso in cui il Movimento 5 Stelle dovesse decidere di votare a favore dell’autorizzazione a procedere nei confronti del Ministro Salvini. E questo, nonostante il relatore della Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato abbia già fatto sapere che, a parer suo, si è trattato di un atto politico, per cui la responsabilità è ascrivibile al governo e non, dunque, alla condotta personale del solo ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Nonostante questo e nonostante sul caso Diciotti possa franare in un attimo l’alleanza Lega-5 Stelle, il M5s ha deciso di procedere alla consultazione on line, tramite la piattaforma Rousseau, sulla posizione da prendere in merito al voto su Salvini in giunta.

Se non siamo alla farsa poco ci manca. Anche perchè sul grado di democraticità della piattaforma Rousseau, gestita dalla Casaleggio & Associati, in passato sono stati sollevati non pochi dubbi. Forse, così facendo, Di Maio vuole formalmente farsi autorizzare dal popolo del web, in modo da poter far votare i suoi contro l’autorizzazione a procedere, ma con la sicurezza di avere dalla propria il sostegno formale della Rete. Un modo, potrebbe essere, per zittire “democraticamente” l’opposizione interna che invece chiede di processare il ministro Salvini. Fico in testa.

Non sarebbe stato fissato ancora un giorno anche se in ambienti parlamentari si ipotizza, tra le altre, anche la data di lunedì 18.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.