Caso Diciotti, la procura di Catania chiede l'archiviazione per Conte, Di Maio e Toninelli | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Per i magistrati etnei nessun reato

Caso Diciotti, la procura di Catania chiede l’archiviazione per Conte, Di Maio e Toninelli

di
20 Febbraio 2019

Notificata oggi la richiesta di archiviazione sul caso Diciotti da parte della Procura di Catania per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per il vicepremier Luigi Di Maio e per il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli. E’ quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi.

Titolare dell’inchiesta è il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro. Lo stesso magistrato che aveva chiesto l’archiviazione del fascicolo, per sequestro di persona aggravato, del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che avrebbe agito per “scelta politica, non sindacabile dal giudice penale”.

Adesso la valutazione passa al Tribunale per i ministri di Catania, nella stessa composizione collegiale che ha già chiesto l’autorizzazione a procedere per Matteo Salvini. Avrà 90 giorni di tempo per decidere, e la sua deliberazione non è impugnabile se accoglierà l’archiviazione.

Nel caso dovesse sollecitare l’autorizzazione a procedere, invece, la richiesta dovrà essere esaminata dal Parlamento: da Palazzo Madama per il senatore Di Maio e per Conte, che non è stato eletto, e dalla Camera per il deputato Toninelli.

 

LEGGI ANCHE: 

Caso Diciotti, Conte blinda il ministro Salvini: “Ho condiviso la sua linea”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.