Caso firme a 5Stelle. La perizia grafica svela le presunte falsificazioni | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

La Digos ha trovato materiale comparativo, incrociando grafie attribuibili agli indagati

Caso firme a 5Stelle. La perizia grafica svela le presunte falsificazioni

di
19 Gennaio 2017

Entro fine mese dovrebbe essere chiusa l’inchiesta sulle firme false depositate per sostenere la lista del M5S alle ultime comunali a Palermo. Come ha dimostrato una perizia grafica della Procura, oltre duecento sarebbero state effettivamente falsificate. La “risposta” degli esperti aggiunge un importante tassello all’inchiesta aperta nei mesi scorsi dai magistrati e che coinvolge 13 persone: parlamentari nazionali e regionali del movimento, attivisti e un cancelliere del tribunale di Palermo.

firme-m5s-nutiDalla consulenza emergerebbero anche gli autori delle falsificazioni, che sono tra gli indagati. In particolare, c’è la conferma della paternità di alcune grafie: quelle degli attuali deputati regionali Claudia La Rocca e Giorgio Ciaccio e degli allora candidati consiglieri comunali Giuseppe Ippolito e Stefano Paradiso, tutti rei confessi, che avevano accettato di rilasciare il saggio grafico. Un esempio della propria scrittura lo avevano reso anche altre due attiviste, Alice Pantaleone (che aveva risposto) e Samantha Busalacchi, che si era avvalsa della facoltà di non rispondere. Non si erano sottoposti al saggio grafico nemmeno altri indagati: Riccardo Nuti, ex candidato sindaco del capoluogo, le deputate nazionali Giulia Di Vita e Claudia Mannino, il marito di quest’ultima, Pietro Salvino, più Riccardo Ricciardi, già candidato sindaco e marito dell’altra parlamentare (non indagata) Loredana Lupo. Indagati poi anche l’avvocato Francesco Menallo e il cancelliere Giovanni Scarpello, non sospettati però di avere copiato, ma di avere avuto altri ruoli.

La Digos ha trovato materiale comparativo, incrociando grafie attribuibili agli indagati (riportate cioè in documenti compilati sicuramente da loro) con gli originali delle firme false depositate al Comune. Le persone coinvolte infatti rispondono, alcune per la materiale riproduzione delle sottoscrizioni, altre per il  concorso nel reato: sarebbero state presenti o comunque consapevoli che i compagni del movimento ricopiavano dalle originali le firme. La decisione di copiare dalle originali le firme poste a sostegno della lista fu presa a ridosso dalla presentazione delle candidature e si rese necessaria perché le originali non erano utilizzabili per un errore nella compilazione delle generalità di un sostenitore. A confermare i sospetti degli inquirenti la “confessione” dei due deputati regionali coinvolti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin