Irvo, Cartabellotta assolto pure in appello :ilSicilia.it

la sentenza

Caso Irvo, Cartabellotta assolto pure in appello

di
19 Marzo 2021

I giudici della Corte dei Conti d’Appello presieduta da Giuseppe Aloisio hanno condannato Lucio Giuseppe Monte, a risarcire l’Istituto regionale Vino e Oli (Irvo) con la somma di 420 mila euro per l’utilizzo non corretto dei fondi Agea relativo a diversi progetti.

In primo grado Monte, direttore tecnico dal 30 gennaio 2012 al 30 maggio 2013 e direttore generale dal 31 maggio 2013 al 30 maggio 2016 era stato condannato al pagamento di 160 mila euro.

I giudici hanno confermato anche in appello l’assoluzione del direttore generale dell’Agricoltura Dario Cartabellotta dall’accusa di danno erariale per un milione e 34 mila euro, nella sua qualità di direttore generale dell’Istituto regionale Vino e Olio, negli anni che vanno dal 2009 al 2012 per aver sottoscritto impropriamente contratti Agea. Secondo la procura contabile diretta da Gianluca Albo Cartabellotta e Monte avrebbero provocato un danno erariale causato alle casse dell’Irvo di quasi tre milioni di euro. La notizia era arrivata sulla scrivania della Procura regionale attraverso il commissario ad acta dell’Istituto che con un esposto del 25 febbraio 2016 rappresentava la “precaria situazione finanziaria dell’ente”.

Secondo i giudici di appello va esclusa – si legge nella sentenza – la sussistenza di un danno da disservizio imputabile a Cartabellotta visto che l’ex direttore dell’istituto non aveva più in carica quando l’attuazione dei progetti era ancora agli inizi consente ragionevolmente di escludere che il mancato completamento dei progetti”.

Diverso il giudizio dei giudici sull’operato di Monte. “I progetti per la promozione e la commercializzazione a livello internazionale dei prodotti vinicoli siciliani sono stati attuati in misura assai modesta, con correlativo insoddisfacente grado di realizzazione degli obiettivi d’interesse pubblico, di pertinenza istituzionale dell’Istituto, che avrebbero dovuto essere perseguiti – dicono i giudici nella sentenza- da un altro, l’Irvo si trova, ormai da anni, nella gravosa situazione di dover restituire ratealmente all’Agea, attingendo a risorse finanziarie proprie, ingenti quote dei contributi a suo tempo ricevuti, che erano state non utilizzate o mal utilizzate per il conseguimento degli scopi programmati o che, peggio ancora, erano state distratte per provvedere a spese del tutto estranee a tali scopi. Nella vicenda in esame sono emerse negative ripercussioni sulla funzionalità dell’Ente nell’espletamento di una parte assai rilevante dei propri compiti istituzionali, da configurarsi come danno da disservizio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.