Caso Lamborghini, rimosse da Facebook le foto con le bambine a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

il dietrofront

Caso Lamborghini, rimosse da Facebook le foto con le bambine a Palermo

di
21 Novembre 2020

Dopo le polemiche sui social network – con la forte presa di distanza del sindaco Leoluca Orlando – il marchio automobilistico Lamborghini ha fatto dietrofront, eliminando il post della campagna girata a Palermo, con gli scatti della nota fotoreporter Letizia Battaglia.

LA LETTERA DI ORLANDO A LETIZIA BATTAGLIA

La campagna pubblicitaria della Lamborghini vedeva protagoniste due bambine. Da qui la richiesta del sindaco Orlando di sospensione della campagna. E oggi lo stesso Orlando ha scritto una lettera aperta a Letizia Battaglia autrice degli scatti alle bambine oggetto della campagna pubblicitaria:

Letizia Battaglia, backstage spot Lamborghini
Letizia Battaglia, backstage spot Lamborghini (Foto Fb Stefano Guindani)

«Cara Letizia,
ho provato e provo grande sofferenza e amarezza per aver dovuto manifestare dissenso e per aver dovuto chiedere la sospensione della campagna di promozione della Lamborghini.

La mia amarezza è resa ancora più forte dal dolore che ha provocato a Te che hai dedicato la vita alla nostra Città, all’arte, alle bambine di Palermo. Nella Giornata mondiale dell’infanzia ho dovuto confrontarmi – nel mio ruolo istituzionale di rappresentante di una comunità – con il rispetto dei diritti dei bambini e con la libertà dell’artista. La vita non può e non deve essere contrasto tra due valori fondamentali… deve essere ricerca di una armonia che costituisce obiettivo irrinunciabile e che impone a volte di fare scelte dolorose, specie per chi svolge un ruolo istituzionale.

Il mio forte invito rischia, però, di nascondere quanto sento il dovere di manifestare e che Ti prego accogliere: la mia grandissima ammirazione e gratitudine per la Tua attività artistica e per il tuo impegno civile, sempre attenti alle bambine, ai loro diritti troppe volte mortificati, e sempre amorevolmente attenti alla nostra Città. Così è stato sin dai tempi di avvio di un comune cammino di liberazione da soffocanti arroganze e da perversioni criminali.

Il mio invito, e la decisione della Lamborghini di sospendere la campagna promozionale, rischiano di essere variamente utilizzati per pretestuose polemiche, che anche l’azienda ha prontamente inteso frenare ricordando che la campagna “aveva il compito di esaltare le bellezze delle regioni italiane insieme alle auto sportive di lusso” e che aveva scelto di “affidare a Letizia Battaglia le immagini sulle auto a Palermo, unica città con un fotografo di eccezione dedicato”. Resta la Tua comprensibile, e la mia spero compresa amarezza. Tra tanti contrasti e perplessità una cosa vorrei fosse chiara: la mia grandissima ammirazione, la mia grandissima gratitudine per Te.

Sperando di poterTi incontrare quando vorrai, un abbraccio affettuoso. Leoluca Orlando».

 

 

LEGGI ANCHE:

Caso Lamborghini, il sindaco Orlando chiede sospensione della campagna pubblicitaria

Campagna Lamborghini, l’azienda: “Consapevoli della forza evocativa delle foto di Letizia Battaglia”

Palermo, spot Lamborghini con due bambine: polemica social sulle foto di Letizia Battaglia

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin