Caso Montante, Albanese: "In molti oggi giudicano, ma facevano la fila per incontrarlo" :ilSicilia.it

le parole del presidente di confindustria sicilia

Caso Montante, Albanese: “In molti oggi giudicano, ma facevano la fila per incontrarlo”

18 Ottobre 2019

Le ceneri dell’era Montante svolazzano dalle finestre di Confindustria. Una sentenza di primo grado pesante per l’ex leader degli industriali è arrivata dai giudici di Caltanissetta. Uno scorcio storico che attraverso le motivazioni del Gup, Graziella Luparello ha scattato una polaroid  “di un’antimafia iconografica che ha sostanzialmente occupato, mediante la corruzione sistematica e le raffinate operazioni di dossieraggio, molte istituzioni regionali e nazionali”.

Montante è come l’odore della naftalina addosso le vesti degli associati industriali, in cui il presente si mischia col passato. La mancata costituzione di Viale dell’Astronomia al processo è il leit motiv che spiega l’iper garantismo nei confronti di questa vicenda. L’ultima volta che il presidente nazionale Francesco Boccia ha parlato di Montante, a quanto pare, risale a molto tempo fa. “Non siamo giustizialisti e non giustifichiamo”. Poi il silenzio. Dopo l’arresto del suo ex presidente nisseno e la sospensione del suo successore, Giuseppe Catanzaro, indagato nella stessa indagine sul sistema Montante, Confindustria Sicilia ad oggi è retta dal vice presidente vicario, Alessandro Albanese.

Proprio Albanese rompe il muro del silenzio in merito alla vicenda Montante. Non si sottrae a nessuna domanda, tranne una, ma tiene a precisare e ricordare che: “Aspettiamo i tre gradi di giudizio”.

Non rinnega l’amicizia con il Cavaliere del Lavoro di San Cataldo e paladino della giustizia: “Dopo la sentenza di primo grado abbiamo dimesso d’ufficio Montante. La pesante sentenza emessa da Caltanisetta è alla riflessione di tutti. E’ successo un fatto gravissimo, che va valutato non da me ma dai giudici. Come in tutti i contesti: politici, istituzionali, giornalistici, può succedere qualcosa di grave. Aspetto sempre tre gradi di giudizio e spero che vadano per il meglio”.

Ricorda il suo trascorso in Confindustria, quando erano ancora in voga i personaggi che ad oggi stanno alla sbarra. “Io ho fatto il componente di Sicindustria, quando c’era Montante alla presidenza, ho ricoperto il ruolo di vicepresidente quando c’era Catanzaro, alcune persone in questa vicenda sono state coinvolte altre no. Io come è ben noto non sono assolutamente coinvolto. Però le dico che è stato un sistema talmente sotto traccia che almeno non per mia stupidità non c’è stato modo di vederlo. Finita l’era Montante è finito questo tipo di approccio a certi sistemi, poi perà se ce ne possono essere di migliori o peggiori non sta a me giudicarlo”.

Il presidente vicario di Confindustria Sicilia è rammaricato per la sfera morale di tanta gente che ha avuto a che fare con l’ex presidente Montante e dice: “E’ davvero brutto vedere tanti nuovi e fantomatici giudici e opinionisti sul processo Montante che oggi condannano e sentenziano e ieri erano tutti dietro la porta ad aspettare di essere ricevuti proprio da Antonello Montante”.

Alla domanda ci può fare qualche nome? Albanese ha preferito non rispondere.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.