22 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.19

confermati gli altri reati

Caso Montante, la Cassazione annulla l’accusa di associazione a delinquere

22 Novembre 2018

La Corte di Cassazione ha stabilito che è da rivedere l’accusa di associazione a delinquere, finalizzata all’acquisizione di notizie riservate al condizionamento delle indagini, contestata all’imprenditore Antonello Montante, ex presidente di Confindustria Sicilia.

Confermate, invece, le ipotesi di accusa che prevedevano i reati di corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio, accesso abusivo ai sistemi informatici e favoreggiamento.

I giudici, accogliendo i ricorsi degli avvocati Nino Caleca, Giuseppe Panepinto, Carlo Taormina e Marcello Montalbano, hanno annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale del riesame di Caltanissetta che aveva confermato gli arresti di Antonello Montante, Giuseppe D’Agata e Diego De Simone Perricone.

Intanto, in attesa della nuova decisione, Montante resta in carcere e gli altri due indagati ai domiciliari.

 

 

Leggi anche:

Sistema Montante: i 12 del “cerchio magico” rinviati a giudizio

Caso Montante, indagato anche Lumia

Caso Montante, si aggrava la posizione di Renato Schifani. Nuove accuse dei Pm di Caltanissetta

Montante non convince i giudici e resta in carcere

Arrestato Montante: “spiava indagini a suo carico”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.