20 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.55

confermati gli altri reati

Caso Montante, la Cassazione annulla l’accusa di associazione a delinquere

22 Novembre 2018

La Corte di Cassazione ha stabilito che è da rivedere l’accusa di associazione a delinquere, finalizzata all’acquisizione di notizie riservate al condizionamento delle indagini, contestata all’imprenditore Antonello Montante, ex presidente di Confindustria Sicilia.

Confermate, invece, le ipotesi di accusa che prevedevano i reati di corruzione, rivelazione di segreto d’ufficio, accesso abusivo ai sistemi informatici e favoreggiamento.

I giudici, accogliendo i ricorsi degli avvocati Nino Caleca, Giuseppe Panepinto, Carlo Taormina e Marcello Montalbano, hanno annullato con rinvio l’ordinanza del Tribunale del riesame di Caltanissetta che aveva confermato gli arresti di Antonello Montante, Giuseppe D’Agata e Diego De Simone Perricone.

Intanto, in attesa della nuova decisione, Montante resta in carcere e gli altri due indagati ai domiciliari.

 

 

Leggi anche:

Sistema Montante: i 12 del “cerchio magico” rinviati a giudizio

Caso Montante, indagato anche Lumia

Caso Montante, si aggrava la posizione di Renato Schifani. Nuove accuse dei Pm di Caltanissetta

Montante non convince i giudici e resta in carcere

Arrestato Montante: “spiava indagini a suo carico”

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

Wanted perde un uomo fondamentale

Il 10 marzo del 241 a.C. la battaglia delle Egadi metteva fine alla prima guerra punica cambiando la storia del Mediterraneo con la vittoria dei Romani sui Cartaginesi.