Caso Montante, l'ex leader di Confindustria Sicilia: "Rifarei tutto quello che ho fatto" :ilSicilia.it

il bilancio del processo

Caso Montante, l’ex leader di Confindustria Sicilia: “Rifarei tutto quello che ho fatto”

di
12 Giugno 2021

“Rifarei tutto quello che ho fatto”. Lo ha detto Antonello Montante all’uscita dall’aula bunker del carcere di Caltanissetta dove si è svolta questa mattina l’udienza, a porte chiuse, del processo sul cosiddetto “Sistema Montante”.

L’ex leader di Confindustria Sicilia ha parlato per il secondo giorno consecutivo dinanzi alla Corte d’Appello. Alla domanda dei giornalisti sul bilancio di questi due giorni ha risposto: “Un fallimento totale. Non è una battuta, è un termine che si usa nelle società”.

Poi ha aggiunto: “Bisognerebbe cercarle le istituzioni che hanno fatto questo percorso con me. Non mi sento tradito“.

La storia di Antonello Montante parla da sola: 12 anni sono trascorsi in maniera lineare e limpida“, ha aggiunto l’avvocato dell’ex leader di Confindustria Sicilia, Carlo Taormina, al termine dell’udienza.

“L’ultima tappa – continua Taormina – è stata quella dell’Agenzia dei beni confiscati alla mafia dove era stato nominato componente in coincidenza con l’uscita dell’articolo in cui era stato indicato come possibile presidente ( nel pezzo si diceva che Montante era indagato per mafia ndr)“.

Non penso si tratti di una coincidenza – ha aggiunto Taormina – c’era uno schema di don Ciotti sulle modalità di gestione dei beni confiscati nell’ambito dell’agricoltura. Ciotti e Montante ne avevano parlato e Ciotti aveva invogliato Montante a diventare componente dell’Agenzia”.

Sempre sui beni confiscati Taormina ha aggiunto: “Si tratta della gestione di patrimoni incredibili e quindi le convergenze degli interessi sono facilmenti immaginabili. Ci sono aspetti relativi alla gestione in ambito giudiziario cui la vicenda Saguto (la giudice condannata per corruzione ndr) credo l’abbia detta lunga per molto tempo. Ci sono delle sacche di corruttela che tutti conosciamo in quel settore“.

L’interrogatorio proseguirà per altre quattro udienze: 18 giugno, 6, 9 e 10 luglio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin