Caso "Sea Watch", interrogazione della Lega: "L'Ue chiarisca se Tunisia è porto sicuro" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

A chiederlo anche la deputata Annalisa Tardino

Caso “Sea Watch”, interrogazione della Lega: “L’Ue chiarisca se Tunisia è porto sicuro”

di
9 Luglio 2019

Presentata la prima interrogazione scritta a firma Lega dagli europarlamentari Marco Zanni, Marco Campomenosi e Annalisa Tardino, volta a richiedere alla Commissione Europea una presa di posizione ufficiale delle Istituzioni Europee in grado di chiarire se la Tunisia vada considerata un porto sicuro.

Come noto, a seguito del caso della nave «Sea Watch 3», il Giudice per le indagini preliminari incaricato del fascicolo ha ritenuto di non convalidare l’arresto della comandante Carola Rackete, poiché la ‘Tunisia non poteva considerarsi un luogo che fornisse le garanzie fondamentali ai naufraghi’.

“L’interpretazione del Gip desta qualche perplessità, commenta Marco Campomenosi, capodelegazione della Lega al Parlamento Europeo, poiché la Tunisia oltre a rispettare tutti i criteri stabiliti dalle norme UE per essere definita un paese sicuro ha già, negli scorsi anni, riconosciuto un buon numero domande di asilo. Il paese, prosegue Campomenosi gode di buona reputazione da parte dell’Alto Commissariato delle Nazioni Uniti per i Rifugiati (UNHCR)”.

“Il nostro intervento- commenta Annalisa Tardino, membro titolare della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) del Parlamento europeo- è teso a chiarire se la Tunisia è un paese legittimato ad accogliere eventuali naufraghi soccorsi da organizzazioni private in acque internazionali o meno, ed ottenere una delucidazione in vista del lavoro legislativo che ci attende in questa legislatura”.

Dello stesso avviso il presidente leghista di Identità e Democrazia, Marco Zanni, che commenta: “La condizione della Tunisia viene strumentalizzata ogni giorno dalle Ong che si ostinano a fare rotta nei porti italiani violando le leggi del nostro governo. Non possiamo più lasciare la definizione di “porto sicuro” nelle mani dei soccorritori in mare o delle Procure”. “Con questa interrogazione – conclude Zanni – chiediamo a Bruxelles di mettere fine alla estemporaneità di certi giudizi per avere finalmente un quadro chiaro e incontrovertibile sullo status della Tunisia”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.