Caso Sea Watch, la "Capitana" indagata, Iwobi: "Chi ama l’Africa non incentiva il traffico di esseri umani" :ilSicilia.it

interviene il vicepresidente Commissione permanente Affari Esteri e Immigrazione

Caso Sea Watch, la “Capitana” indagata, Iwobi: “Chi ama l’Africa non incentiva il traffico di esseri umani”

28 Giugno 2019

La “Capitana” sostiene di essere ricca, bianca e dice di amare l’Africa. Chi ama l’Africa non incentiva il traffico di esseri umani e i viaggi pericolosi e illusori nel Mediterraneo (peraltro violando la legge di uno Stato contro il suo Governo e il suo Popolo), ma si impegna nella cooperazione internazionale per favorire lo sviluppo dell’Africa e il benessere del popolo africano per il bene dell’umanità“.

A scriverlo è il senatore Tony Iwobi (Lega), vicepresidente Commissione permanente Affari Esteri e Immigrazione.

L’Africa e gli africani non hanno bisogno di carità, l’Italia ha il diritto di ripristinare l’ordine e la legalità tutelando e salvaguardando l’integrità Nazionale e i suoi confini!” conclude il senatore Iwobi.

LEGGI ANCHE:

La Sea watch forza il blocco e attracca a Lampedusa, arrestata la “capitana”

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.