Caso Tecnis, chiesto il dissequestro. "No pericolo infiltrazioni mafiose" :ilSicilia.it
Catania

Queste le conclusioni della procura. Si riaprono gli scenari di numerosi appalti

Caso Tecnis, chiesto il dissequestro. “No pericolo infiltrazioni mafiose”

di
17 Gennaio 2017

Mimmo Costanzo e Concetto Bosco, i due soci catanesi del colosso delle costruzioni Tecnis arrestati nel 2015 per presunte tangenti negli appalti Anas (operazioni “Dama Nera” e “Dama Nera 2”) e coinvolti nell’inchiesta del febbraio 2016 (presunte infiltrazioni mafiose nelle loro società), sarebbero state vittime dell’interesse mafioso, e oggi non ci sarebbe alcun pericolo di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata nelle attività del gruppo. 

Queste le conclusioni della procura, oggi, nel corso dell’udienza davanti al Tribunale Sezione Misure di Prevenzione. I pm Antonino Fanara e Agata Santonocito hanno chiesto “la restituzione delle 24 società controllate dal gruppo di cui è capofila Tecnis Spa ai legittimi proprietari, Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice”. 

anello-fsLe aziende furono poste sotto sequestro lo scorso febbraio in seguito a un’indagine dei carabinieri del Ros e della procura di Catania, che aveva rilevato il sospetto di “condizionamenti” nella gestione della società che sta eseguendo numerosi appalti in tutta Italia, tra cui lAnello ferroviario di Palermo. Da allora l’impresa, insieme alle collegate “Artemis spa” e “Cogip holding”, finì in amministrazione giudiziaria. 

Secondo i pm, ad essere “pericolosi” non sarebbero stati Bosco e Costanzo, ma le loro società perché “particolarmente appetibili alla mafia”. Secondo il legale di Costanzo, Attilio Floresta, il gruppo Tecnis «ha posto in essere procedure idonee a evitare che l’esercizio di impresa possa costituire fonte di arricchimento per sodalizi criminali di stampo mafioso o per loro affiliati».

Per i Pm «è venuta meno la pericolosità del bene» che ora «è stato legalizzato» grazie al lavoro dell’amministrazione giudiziaria e della Procura di Catania. La notizia è stata presa positivamente dal’associazione “Amari Cantieri”, che segue l’evoluzione dei lavori di chiusura dell‘Anello ferroviario a Palermo (1° stralcio Giachery-Politeama), opera da 154 milioni di euro, finita pure nel mirino dell’Anac. I cantieri, già lenti prima dell’arrivo dell’amministrazione giudiziaria, hanno registrato altri notevoli ritardi sul cronoprogramma originario. “Speriamo che – commentano i commercianti di via Emerico Amari – dopo questa notizia si completino più rapidamente i lavori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.