Caso Tecnis, chiesto il dissequestro. "No pericolo infiltrazioni mafiose" :ilSicilia.it
Catania

Queste le conclusioni della procura. Si riaprono gli scenari di numerosi appalti

Caso Tecnis, chiesto il dissequestro. “No pericolo infiltrazioni mafiose”

di
17 Gennaio 2017

Mimmo Costanzo e Concetto Bosco, i due soci catanesi del colosso delle costruzioni Tecnis arrestati nel 2015 per presunte tangenti negli appalti Anas (operazioni “Dama Nera” e “Dama Nera 2”) e coinvolti nell’inchiesta del febbraio 2016 (presunte infiltrazioni mafiose nelle loro società), sarebbero state vittime dell’interesse mafioso, e oggi non ci sarebbe alcun pericolo di infiltrazioni da parte della criminalità organizzata nelle attività del gruppo. 

Queste le conclusioni della procura, oggi, nel corso dell’udienza davanti al Tribunale Sezione Misure di Prevenzione. I pm Antonino Fanara e Agata Santonocito hanno chiesto “la restituzione delle 24 società controllate dal gruppo di cui è capofila Tecnis Spa ai legittimi proprietari, Mimmo Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice”. 

anello-fsLe aziende furono poste sotto sequestro lo scorso febbraio in seguito a un’indagine dei carabinieri del Ros e della procura di Catania, che aveva rilevato il sospetto di “condizionamenti” nella gestione della società che sta eseguendo numerosi appalti in tutta Italia, tra cui lAnello ferroviario di Palermo. Da allora l’impresa, insieme alle collegate “Artemis spa” e “Cogip holding”, finì in amministrazione giudiziaria. 

Secondo i pm, ad essere “pericolosi” non sarebbero stati Bosco e Costanzo, ma le loro società perché “particolarmente appetibili alla mafia”. Secondo il legale di Costanzo, Attilio Floresta, il gruppo Tecnis «ha posto in essere procedure idonee a evitare che l’esercizio di impresa possa costituire fonte di arricchimento per sodalizi criminali di stampo mafioso o per loro affiliati».

Per i Pm «è venuta meno la pericolosità del bene» che ora «è stato legalizzato» grazie al lavoro dell’amministrazione giudiziaria e della Procura di Catania. La notizia è stata presa positivamente dal’associazione “Amari Cantieri”, che segue l’evoluzione dei lavori di chiusura dell‘Anello ferroviario a Palermo (1° stralcio Giachery-Politeama), opera da 154 milioni di euro, finita pure nel mirino dell’Anac. I cantieri, già lenti prima dell’arrivo dell’amministrazione giudiziaria, hanno registrato altri notevoli ritardi sul cronoprogramma originario. “Speriamo che – commentano i commercianti di via Emerico Amari – dopo questa notizia si completino più rapidamente i lavori”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin