Cassa integrazione, Confcooperative Sicilia: "Risposte ai lavoratori colpiti dalla crisi" :ilSicilia.it
Palermo

Sottoscritto accordo per le linee guida

Cassa integrazione, Confcooperative Sicilia: “Risposte ai lavoratori colpiti dalla crisi”

26 Marzo 2020

È stato sottoscritto stamani, 26 marzo 2020, l’accordo che definisce le linee guida per la concessione della Cassa Integrazione Generale in Deroga nella Regione Siciliana, in risposta all’emergenza Covid-19.

“Ringraziamo l’Assessore regionale al Lavoro e alle Politiche Sociali Antonio Scavone, il Direttore Giovanni Vindigni, le rappresentanze sindacali per l’impegno di queste ore – dice il presidente di Confcooperative Sicilia Gaetano ManciniL’accordo raggiunto punta a dare nei tempi più rapidi possibile, ai sensi dell’art. 22 del D.L. n. 18 del 17 marzo 2020, una risposta concreta ai lavoratori colpiti dalla crisi ingenerata dall’epidemia da Covid-19, permettendo di accedere al sostegno economico previsto da parte dell’INPS. Siamo soddisfatti del risultato raggiunto, e del fatto che nessuna categoria sia stata dimenticata”.

Attraverso questo strumento – prosegue il presidentele cooperative, comprese quelle con meno di cinque dipendenti e appartenenti ai diversi settori merceologici dall’agricoltura alla pesca, dal sociale alla cultura, dal turismo allo sport potranno accedere alla CIGD per dare respiro ai propri soci-lavoratori. Speriamo che anche a livello europeo possano arrivare presto degli interventi corposi e innovativi, iniettando liquidità in un sistema che era già sofferente prima dell’insorgere della crisi e che necessita di misure poderose per poter ripartire“.

Confcooperative Sicilia è al lavoro per assistere le cooperative associate in maniera globale – conclude Mancini – non soltanto dal punto di vista del costo del lavoro ma anche sui versanti del credito, delle scadenze esattoriali, delle diverse criticità generate dalla presente situazione”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona