Castagna (Agrinsieme Sicilia): "La Regione deve farsi carico delle spese di gestione dei consorzi di bonifica" :ilSicilia.it

Parla la coordinatrice regionale

Castagna (Agrinsieme Sicilia): “La Regione deve farsi carico delle spese di gestione dei consorzi di bonifica”

8 Aprile 2019

In considerazione del fatto che livello di degrado del contenzioso fra utenti e Consorzi di bonifica sta degenerando nell’assoluta indifferenza del governo regionale, chiediamo l’immediata soppressione dell’art 47 – comma 11 – della legge di stabilità del 2015 che prevede il disimpegno graduato nel quinquennio dell’apporto finanziario della Regione alla gestione dei Consorzi di bonifica ed il conseguente accollo delle spese di gestione dei consorzi da parte della Regione”, a dirlo è Rosa Giovanna Castagna, coordinatrice regionale di Agrinsieme Sicilia, organismo di coordinamento tra CIA, Confagricoltura, Copagri ed Alleanza delle cooperative.

Agli agricoltori – continua Castagna – non si può addossare l’onere finanziario della gestione dei Consorzi di bonifica al buio e senza l’adozione dei più elementari strumenti di controllo e gestione, che sono loro preclusi”. “Inoltre, chiediamo al governo regionale – conclude Castagna – l’immediata sospensione dei ruoli consortili elaborati sulla base del programma di disimpegno finanziario previsto dalla stessa norma”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.