Castelbuono Jazz Festival: memoria e passione i temi dell'edizione 2019 | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

IL PROGRAMMA, dal 16 al 21 agosto

Castelbuono Jazz Festival: memoria e passione i temi dell’edizione 2019 | FOTO

di
16 Agosto 2019
Daria Biancardi
John Colianni
Enrico Intra
Antonio Onorato
Danilo-Rea
Giuseppe Milici
Roy Paci

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Grandi nomi del panorama internazionale per l’edizione 2019 del Castelbuono Jazz Festival, diretto da Angelo Butera, dedicato alla memoria e alla passione con un omaggio a Fabrizio de Andrè.

Ventidue edizioni per un festival tra i più longevi d’Italia che ogni anno attira migliaia di spettatori sotto lo sguardo benevolo dell’antico Castello dei Ventimiglia, senza contare i giovani musicisti che partecipano alle masterclass: è già sold out quella che sarà tenuta da Enrico Intra, e poi ancora il sassofonista Claudio Giambruno e il trombettista Giacomo Tantillo, invitati come guest da Colianni nel suo concerto.

Ad aprire la rassegna sarà la palermitana Daria Biancardi apprezzata a Berlino come a New York, dove ha iniziato la sua carriera.

Sabato 17 agosto debutterà il John Colianni & Seth Myers Quartet, capitanato dal pianista del New Jersey, nato a Paterson ma cresciuto nel Maryland.Oggi il pianista si esibisce in varie formazioni in ogni parte del mondo, arrivando ad almeno 40 concerti ogni anno. Ospiti di Colianni e del grande contrabbassista Seth Myers due mattatori del jazz siciliano ormai conosciuti in tutto il mondo Claudio Giambruno al sax e Giacomo Tantillo alla tromba.

Durante la serata verrà assegnato il Premio Marco Tamburini per i giovani talenti, intitolato all’immaginifico trombettista di Cesena, amico e collaboratore di Pietro Tonolo, Paolo Fresu, Steve Coleman e Joe Lovano, turnista di Raf, Jovanotti e Vinicio Capossela, scomparso cinque anni fa a 55 anni. Quest’anno il riconoscimento sarà assegnato al trombettista milanese Paolo De Ceglie.

Domenica 18, alle 11, un concerto in acustica all’interno del Castello medievale degli antichi signori di Castelbuono: pianoforte e sax con il grande pianista ottantaquattrenne Enrico Intra e il sassofonista siciliano Claudio Giambruno.

La sera, alle 22, una prima nazionale che è anche un confronto giocato sulle sei corde: “Le Sicilie” vedrà le sonorità mediterranee di Francesco Buzzurro abbracciarsi a quelle partenopee di Antonio Onorato, in un’unica straordinaria melodia in chiave jazz. Il concerto sarà dedicato ad Andrea Camilleri e Luciano De Crescenzo.

Il 19 agosto, invece, ci sarà l’omaggio a Fabrizio de Andrè con Danilo Rea che, a vent’anni dalla scomparsa del cantautore, propone un’interpretazione unica per piano solo de La canzone di Marinella, La canzone dell’amore perduto, Via del campo, Girotondo, Inverno, Carlo Martello, Il Pescatore e Bocca di Rosa.

Il tributo arricchisce la struttura musicale delle canzoni, di arrangiamenti inediti, spaziando dal jazz alla classica, dal gospel alla ballad, due mondi, del jazz e della canzone d’autore, si fondono in un unico tributo. Particolari luminarie ricorderanno Faber per le vie di Castelbuono.

Martedì 20 l’armonista Giuseppe Milici proporrà il suo New York Tango a fianco del fisarmonicista Roberto Gervasi in un suggestivo viaggio tra tango, jazz, musica brasiliana e composizioni originali, in un abbinamento sonoro davvero insolito di due strumenti, entrambi aerofoni ad ancia, caratterizzati da grande somiglianza delle voci, ma compattezza differente.

Grande chiusura dell’edizione 2019 del Festival, mercoledì 21 agosto, con il trombettista Roy Paci che recupererà le vesti di attore con il nuovo spettacolo “Carapace“, testo scritto da Roy Paci e dal giovane regista Pablo Solari, un racconto intimo e sincero sulla sua vita e sull’inesauribile creatività che lo ha portato ad un lungo viaggio attraverso la musica. Accompagnato dall’immancabile tromba Sofia e dai cinque funambolici musicisti del Corleone Ensemble, Roy ripercorre la storia di Rosario, ragazzino siciliano che scopre la sua passione per la musica.

Carapace è uno spettacolo eclettico come il suo protagonista, una corazza che si costruisce durante il percorso di una vita e uno slogan ad una manifestazione per la pace. Uno strano e incosciente miscuglio di suoni, silenzi e parole.

Tutti i concerti inizieranno alle 22; costo biglietto 5 euro (posto a sedere).

Castelbuono Jazz Festival è sostenuto dal Comune di Castelbuono e dagli assessorati regionali al Turismo e ai Beni Culturali, con il patrocinio dell’ENIT (Agenzia Nazionale Italiana del Turismo).

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.