13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.14
Palermo

Tantissimi ospiti nel paese delle Madonie

Castelbuono jazz festival, presentato il cartellone. Il programma dell’edizione 2018 | Video

3 Luglio 2018

Presentata in conferenza stampa la ventunesima edizione di Castelbuono Jazz Festival che quest’anno ha come tema “il ’68 il Jazz la Libertà i diritti Umani”.

A presentare il cartellone sono stati l’assessore Sandro Pappalardo, il Sindaco di Castelbuono Mario Cicero il Direttore creativo Angelo Butera e l’assessore al turismo del Comune di Castelbuono Dario Guarcello [Guarda il video in alto].

e dunque il primo concerto evento, in programma il 14 agosto, dal titolo  Il ’68 Di Tommie Smith. È una delle immagini più famose del Novecento, quella in cui Tommie Smith e John Carlos si trovano sul podio dei 200 metri alle Olimpiadi a Città del Messico, il 16 ottobre 1968, con i pugni alzati, i guanti neri (simbolo del black power), i piedi scalzi (segno di povertà), la testa bassa e una collanina di piccole pietre al collo. Dopo cinquant’anni forse è cambiato poco.

Concerto evento perché a salire sul palco il 14 agosto non una cantante jazz ma una icona della musica lirica mondiale: Laura Giordano, considerata una dei più talentuosi soprani della sua generazione, apprezzata da pubblico e critica per la sua impeccabile tecnica vocale e timbro seducente, arricchiti da una presenza scenica affascinante e spiccate doti attoriali. La Giordano assieme al M. Giuseppe Urso presterà la sua meravigliosa voce ad un repertorio jazz.

Ad aprire il concerto l’attrice Giuditta Perriera che racconterà al pubblico cosa avvenne il 16 ottobre ’68 a Città del Messico.

Castelbuon Jazz festivalIl 15 agosto un’altra Signora del jazz Lucy Garsia. Figlia del grande Ignazio, creatore e fondatore del Brass Group di Palermo, Lucy con il suo gruppo farà un omaggio al Brass che  è stato ed è un punto di riferimento dei più grandi jazzisti al mondo.

Il 16 agosto Protagonista assoluto sarà Stefano Di Battista una icona internazionale del jazz italiano.

Come di consueto grande spazio ai giovani siciliani che si stanno imponendo nel panorama nazionale. E dunque il 17 agosto protagonista sarà Claudio Giambruno quintet che presenterà per questa occasione il suo nuovo disco inedito. Giambruno avrà come guest star l’armonicista Giuseppe Milici. Al termine del concerto sarà consegnata una targa al giornalista Gigi Razete per il suo impegno nella diffusione della musica jazz.

Il 18 agosto ancora spazio ad una signora del Soul Daria Biancardi. Il titolo del concerto “Anche senza la pelle nera” perché la sua voce assolutamente straordinaria, non ha nulla da invidiare alle grandi cantanti afro americane.

Il 19 agosto il mondo si trasferirà a Castelbuono con Orchestra di Piazza Vittorio. Musicisti che provengono da dieci paesi e parlano nove lingue diverse. Insieme, trasformano le loro variegate radici e culture in una lingua singola, la musica. Questa è l’Orchestra di Piazza Vittorio. Partendo dalla musica tradizionale di ogni paese, mischiandola e intingendola con rock, pop, reggae, e classica, si arriva alla sonorità unica dell’OPV. Tra musicisti che partono e altri che arrivano, cambia il suono dell’orchestra senza mai tradire la vocazione iniziale a sfide nuove e orizzonti aperti al mondo intero. Una fusione di culture e tradizioni, memorie, sonorità antiche e nuove, strumenti sconosciuti, melodie universali, voci dal mondo.

Grandissima serata il 20 agosto con la Bellini Jazz Orchestra, la sezione jazz del Conservatorio Bellini di Palermo. 25 elementi diretti magistralmente dal M. Giuseppe Urso. Guest star della serata la cantante americana Joy Garrison. Nata a New York e figlia d’arte, comincia a cantare sotto la guida di suo padre Jimmy Garrison per anni contrabbassista dello storico quartetto di John Coltrane.

Anche il grande jazz napoletano a Castelbuono con James Senese e Napoli Centrale. È  un gruppo che ha saputo operare una vera fusione, creando un suono rispettoso della tradizione popolare, ma aperto ad ogni forma di arricchimento strutturale, in grado di rendere il linguaggio proposto, universalmente fruibile. Senese riunisce in se la musica afro americana ed il blues napoletano. Unico esempio al mondo.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.