Castelbuono Jazz Festival, tutto pronto per l'edizione 2018 tra "Libertà e diritti Umani” :ilSicilia.it
Palermo

La kermesse nelle madonie il 14 agosto alle ore 22

Castelbuono Jazz Festival, tutto pronto per l’edizione 2018 tra “Libertà e diritti Umani”

di
10 Agosto 2018
laura-giordano
Laura Giordano

La cantante lirica palermitana “prestata” al Jazz Laura Giordano con Giuseppe Urso e il Trio, il sassofonista romano Stefano Di Battista, la multietnica Orchestra di Piazza Vittorio, Lucy Garsia con il Quartet, Claudio Giambruno Quartet con guest star l’armonicista Giuseppe Milici, Vincenzo Palermo e Falsabrasil, la Bellini Jazz Orchestra del Conservatorio di Palermo, con guest star la cantante americana Joy Garrison e le danzatrici di Ezia Cumbo, e il sassofonista napoletano James Senese con la leggendaria band Napoli Centrale, sono i nomi degli artisti che costituiscono il parterre de rois della XXI edizione del Castelbuono Jazz Festival.

La rassegna musicale, diretta da Angelo Butera, ormai sempre più pietra miliare del panorama musicale estivo siciliano, si articolerà da lunedì 13 agosto con l’anteprima alle ore 20,30 all’Abbazia Santa Anastasia con Simona Trentacoste trio a martedì 21 agosto nel suggestivo chiostro di San Francesco (nelle prime due serate) e in piazza Castello davanti lo scenario naturale dominato dall’antico maniero medioevale dei Vetimiglia nelle altre rimanenti serate. La rassegna quest’anno ha come tema conduttore “Il ’68 il Jazz la Libertà i diritti Umani”.

Giuseppe Urso Trio
Giuseppe Urso Trio

Nel corso della kermesse, inoltre, nella centralissima piazza Margherita si svolgeranno dei talk a partire dalle ore 18, uno spazio dedicato all’intrattenimento con Castelbuono Incontra con la partecipazione di esponenti della politica, della cultura, dell’arte, del giornalismo, dell’imprenditoria e del turismo.

Ci sarà anche un focus sul territorio, l’ambiente e il turismo. L’appuntamento è per domenica 19 agosto alle ore 18 quando il tema che sarà affrontato è quello del “Turismo di montagna – Le Madonie”. Parteciperanno gli assessori regionali al Territorio e al Turismo rispettivamente Totò Cordaro e Sandro Pappalardo, il presidente del Gal Madonie, Santo Inguaggiato, il direttore di Travelnostop, Toti Piscopo e l’assessore comunale al Turismo di Castelbuono, Dario Guarcello.

Ma il Castelbuono Jazz Festival non è soltanto musica, ormai da alcuni anni è tradizione che nei pomeriggi dei giorni della Rassegna nella centralissima piazza Margherita a partire dalle ore 18 si svolgerà “Castelbuono Incontra”, otto talk con la partecipazione di politici, imprenditori, giornalisti, economisti che si confronteranno in dibattiti sia in ambito politico che sociale.

Uno di questi è riservato al territorio e al turismo delle Madonie. L’appuntamento è per il 19 agosto con “Turismo in montagna-Le Madonie” con la partecipazione degli assessori regionali al Territorio e al Turismo, rispettivamente Salvatore Cordaro e Sandro Pappalardo.

«Stiamo rilanciando l’istituzione del Parco delle Madonie sottolinea l’assessore Cordaro – abbiamo messo al centro della agenda politica l’attività del Parco Astronomico di Isnello, stiamo lavorando alla promozione costante e abbiamo presentato qualche giorno fa, come segnale forte di attenzione verso questo territorio, i bandi sull’acquacoltura a Petralia Sottana.

Vogliamo lavorare sotto il profilo più specifico per mettere al centro un turismo non necessariamente legato alla stagione estiva con i luoghi straordinari di questo territorio, con uno sguardo particolare anche all’inverno con le piste da sci, alla tutela del territorio e a un modo di operare che possa coniugare ambiente e turismo e che promuova tutte le eccellenze che operano nelle Madonie».

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.