16 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.29
Palermo

La kermesse nelle madonie il 14 agosto alle ore 22

Castelbuono Jazz Festival, tutto pronto per l’edizione 2018 tra “Libertà e diritti Umani”

10 Agosto 2018
laura-giordano
Laura Giordano

La cantante lirica palermitana “prestata” al Jazz Laura Giordano con Giuseppe Urso e il Trio, il sassofonista romano Stefano Di Battista, la multietnica Orchestra di Piazza Vittorio, Lucy Garsia con il Quartet, Claudio Giambruno Quartet con guest star l’armonicista Giuseppe Milici, Vincenzo Palermo e Falsabrasil, la Bellini Jazz Orchestra del Conservatorio di Palermo, con guest star la cantante americana Joy Garrison e le danzatrici di Ezia Cumbo, e il sassofonista napoletano James Senese con la leggendaria band Napoli Centrale, sono i nomi degli artisti che costituiscono il parterre de rois della XXI edizione del Castelbuono Jazz Festival.

La rassegna musicale, diretta da Angelo Butera, ormai sempre più pietra miliare del panorama musicale estivo siciliano, si articolerà da lunedì 13 agosto con l’anteprima alle ore 20,30 all’Abbazia Santa Anastasia con Simona Trentacoste trio a martedì 21 agosto nel suggestivo chiostro di San Francesco (nelle prime due serate) e in piazza Castello davanti lo scenario naturale dominato dall’antico maniero medioevale dei Vetimiglia nelle altre rimanenti serate. La rassegna quest’anno ha come tema conduttore “Il ’68 il Jazz la Libertà i diritti Umani”.

Giuseppe Urso Trio
Giuseppe Urso Trio

Nel corso della kermesse, inoltre, nella centralissima piazza Margherita si svolgeranno dei talk a partire dalle ore 18, uno spazio dedicato all’intrattenimento con Castelbuono Incontra con la partecipazione di esponenti della politica, della cultura, dell’arte, del giornalismo, dell’imprenditoria e del turismo.

Ci sarà anche un focus sul territorio, l’ambiente e il turismo. L’appuntamento è per domenica 19 agosto alle ore 18 quando il tema che sarà affrontato è quello del “Turismo di montagna – Le Madonie”. Parteciperanno gli assessori regionali al Territorio e al Turismo rispettivamente Totò Cordaro e Sandro Pappalardo, il presidente del Gal Madonie, Santo Inguaggiato, il direttore di Travelnostop, Toti Piscopo e l’assessore comunale al Turismo di Castelbuono, Dario Guarcello.

Ma il Castelbuono Jazz Festival non è soltanto musica, ormai da alcuni anni è tradizione che nei pomeriggi dei giorni della Rassegna nella centralissima piazza Margherita a partire dalle ore 18 si svolgerà “Castelbuono Incontra”, otto talk con la partecipazione di politici, imprenditori, giornalisti, economisti che si confronteranno in dibattiti sia in ambito politico che sociale.

Uno di questi è riservato al territorio e al turismo delle Madonie. L’appuntamento è per il 19 agosto con “Turismo in montagna-Le Madonie” con la partecipazione degli assessori regionali al Territorio e al Turismo, rispettivamente Salvatore Cordaro e Sandro Pappalardo.

«Stiamo rilanciando l’istituzione del Parco delle Madonie sottolinea l’assessore Cordaro – abbiamo messo al centro della agenda politica l’attività del Parco Astronomico di Isnello, stiamo lavorando alla promozione costante e abbiamo presentato qualche giorno fa, come segnale forte di attenzione verso questo territorio, i bandi sull’acquacoltura a Petralia Sottana.

Vogliamo lavorare sotto il profilo più specifico per mettere al centro un turismo non necessariamente legato alla stagione estiva con i luoghi straordinari di questo territorio, con uno sguardo particolare anche all’inverno con le piste da sci, alla tutela del territorio e a un modo di operare che possa coniugare ambiente e turismo e che promuova tutte le eccellenze che operano nelle Madonie».

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.