Castelbuono, l'Ypsigrock premiato a Sanremo quale "miglior festival italiano 2018" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Grande riconoscimento nella "Città dei fiori"

Castelbuono, l’Ypsigrock premiato a Sanremo quale “miglior festival italiano 2018”

di
9 Febbraio 2019

Il festival musicale Ypsigrock, nato e cresciuto a Castelbuono, all’ombra del castello dei Ventimiglia, oggi culla dell’indie mondiale, continua a far parlare di sé.

Recentissimo, infatti, il riconoscimento quale miglior Festival italiano per il 2018 nell’ambito dei “Premi Mei Top Indie 2018”, ritirato dai fondatori Vincenzo Barreca e Gianfranco Raimondo e dalla brand director e responsabile della comunicazione Marcella Campo. La consegna è avvenuta a Sanremo, in occasione del festival popolare più famoso d’Italia.

I premi del Meeting degli Indipendenti, con base a Faenza, sono organizzati insieme al Forum del giornalismo musicale. La classifica di gradimento è stilata ogni anno ed è divisa per categorie: singolo, video, disco, club (si è aggiudicato il riconoscimento “Circolo Magnolia”), etichetta discografica (premiata la 42Records), contest (“Voci Per la Libertà”), booking (“Locusta Booking”), live e, appunto, festival. Tra gli artisti premiati anche Calcutta, Evergreen e The Zen Circus per il loro live, in gara a Sanremo proprio in queste sere con “L’amore è una dittatura” tra elmetti nazi e bandiere smile sul palco dell’Ariston.

Vincenzo Barreca, Gianfranco Raimondo, Marcella Campo

«Siamo felici per noi, per la nostra terra e – dichiarano Barreca, Raimondo e Campo – per il mondo che rappresentiamo. Abbiamo iniziato questa esperienza negli anni Novanta in un contesto fortemente difficile se non ostile sotto ogni aspetto» mentre adesso, aggiungono i tre «questo riconoscimento ad Ypsigrock e ad altre realtà nazionali di spessore del mondo indie è il segno della bontà della nostra scelta di insistere su un prodotto culturalmente valido destinato finalmente ad essere apprezzato da un pubblico sempre più vasto e trasversale».

L’appuntamento nel cuore delle Madonie, per l’edizione 2019, è per l’8-11 agosto. A fare da sfondo per manifesti e immagini, l’arte della sudcoreana Adehla Lee, che vive a New York. «Lo stile creativo dell’artista sudcoreana – dicono gli organizzatori – si ispira allo sciamanismo tradizionale coreano e alla cultura pop americana». Per l’artista, infatti, «l’illustrazione per Ypsigrock racconta la passione piena di energia luminosa sprigionata da questo evento. Ci tenevo a mettere al centro le persone che vi partecipano, che non solo amano la musica, ma sono capaci di farlo in un contesto amichevole, quasi familiare, creando così un’esperienza festosa di vera condivisione».

Sul palco, per l’unica data in Italia, i “National” la band indie-alternative rock americana guidata da Matt Berninger.

L’Ypsigrock è l’esempio di come poter fare cultura nei piccoli borghi siciliani; e con essa turismo, economia, circolarità. La scorsa edizione confermate le decine di migliaia di presenze provenienti dall’Italia e dall’estero.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin