Casteldaccia, Nasca: "Il Paese è bloccato e i cittadini sono allo sbaraglio" :ilSicilia.it
Palermo

Denuncia del Capogruppo di Rinasca Casteldaccia

Casteldaccia, Nasca: “Il Paese è bloccato e i cittadini sono allo sbaraglio”

di
16 Gennaio 2020

Come gruppo di opposizione, a distanza di più di un mese dall’adozione delle misure cautelari nei confronti del Sindaco e di parte della Giunta, non possiamo non evidenziare che la richiesta di dimissioni del Sindaco, fatta con nostra nota con Protocollo N. 0025754 del 27/12/2019, tanto criticata dalla maggioranza anche durante l’ultimo Consiglio Comunale, è oggi l’unica scelta saggia nell’interesse del Paese“.  Eppure, è quanto mai suggestivo che mentre, da un lato la maggioranza si affatica a difendere la scelta di non dimettersi del Sindaco, dall’altro la stessa agisce diversamente”.

Il capogruppo di Rinasca CasteldacciaMaurizio Nasca (Lega), commenta così la situazione politica della sua città evidenziando le problematiche causate dal sindaco Giovanni Di Giacinto e dal consiglio comunale.

Nasca evidenzia le attuali vicende comunali: “Prima si dimettono i due assessori non indagati, poi si dimettono l’assessore ed il vicesindaco indagati, poi il consigliere la Monica che dice di dimettersi per esigenze personali ma critica il modus operandi della maggioranza che poco prima difendeva perché privo di dialettica e democrazia! Forse che la maggioranza comprende ora, dopo un anno e mezzo di amministrazione, che le ‘critiche’ dell’opposizione erano reali e fondate?! – sottolinea che – il benessere di un Paese passa dalla condivisione delle scelte; che non esistono cittadini amici, perché ci hanno votato, e cittadini nemici, perché non l’hanno fatto! Eppure la maggioranza è rimasta sorda ed in silenzio, tanto c’era chi decideva per loro!”

Giovanni Di Giacinto

“Ora – prosegue Nasca – l’assenza di chi decideva per tutti sfalda la maggioranza ed evidenzia quello che questa opposizione gridava in Consiglio! Il Paese è bloccato. C’è l’emergenza rifiuti, rischiamo di ritornare indietro nel tempo e l’amministrazione ha lasciato i cittadini allo sbaraglio. Atteso che la maggioranza governa ancora con il suo Presidente del consiglio ed i suoi consiglieri chiediamo a gran voce l’intervento loro, del capo area, della segretaria affinché si adoperino, per quanto di loro rispettiva competenza, ad attivare Procedura ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio di raccolta differenziata”.

“Crediamo sia arrivato davvero il momento di una presa di coscienza della maggioranza e del Sindaco, che ne è espressione, perché soltanto le dimissioni del signore  possono consentire la nomina di un Commissario Straordinario, non ad acta, che riporti il Paese alla normalità che merita – e conclude –Inutile chiarire che le dimissioni della sola opposizione, che non ha colpe per le vicende che hanno colpito il Paese, che qualcuno invoca, per legge, non determinerebbero la decadenza del Consiglio Comunale, ma solo se insieme a noi si dimette tutto il consiglio comunale. Noi diamo la nostra disponibilità ad i consiglieri di maggioranza per un atto di responsabilità che in realtà dovrebbe venire dal Sindaco!”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin