Castellammare del Golfo, crolla costone prima della Playa. Il sindaco: “Traffico sarà deviato” | CLICCA PER LE FOTO :ilSicilia.it
Trapani

verifiche in corso

Castellammare del Golfo, crolla costone prima della Playa. Il sindaco: “Traffico sarà deviato” | CLICCA PER LE FOTO

di
21 Ottobre 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

È in corso un sopralluogo sulla strada 187 che conduce alla stazione ferroviaria di Castellammare, poco prima del bivio nord per la spiaggia Playa, dove si è verificato un cedimento dal costone tufaceo sovrastanteIn corso la verifica sulle procedure di messa in sicurezza. Prevederemo una deviazione con accesso alternato tramite semaforo. La zona per geomorfologia è a rischio cedimenti. Una parte del costone è stata messa in sicurezza con finanziamento della protezione civile regionale, dopo un precedente e più imponente crollo nel 2019“. Lo fa presente il sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Rizzo, presente sul posto mentre è in corso la verifica dello stato dei luoghi.

Polizia municipale, personale dell’ufficio tecnico, protezione civile, carabinieri e vigili del fuoco sul posto, con il sindaco Nicolò Rizzo e l’assessore alle manutenzioni stradali Leonardo D’Angelo, per verificare le condizioni dell’area e avviare le procedure di messa in sicurezza dell’arteria.

Nicolò Rizzo

Abbiamo subito convocato ufficio tecnico, protezione civile e vigili del fuoco. Stiamo verificando ma molto probabilmente a breve prevederemo con la polizia municipale una deviazione con accesso alternato dalla strada, tramite semaforo. Trovandomi sui luoghi constato ancora una volta che occorre mettere in sicurezza tutto il costone per le continue frane, anche se quest’ultima di più modesta entità rispetto alle precedenti ma pur sempre molto pericolosa per l’incolumità dei cittadini.  – afferma il sindaco Nicolò RizzoSi tratta, infatti, di una zona che, per geomorfologia, nel piano di protezione civile è indicata come a rischio cedimenti e già una parte del costone è stato messo in sicurezza dopo un precedente e più imponente crollo, verificatosi nel 2019“.

I lavori sulla parte tufacea, all’altezza del chilometro 42,900 della strada, sono stati finanziati dal dipartimento regionale di Protezione Civile per 270 mila euro e il tratto messo in sicurezza, ma rimangono altre aree scoperte. Stiamo procedendo con una verifica più dettagliata da parte dei tecnici e vigili del fuococonclude il sindaco Nicolò Rizzocosì da stabilire le procedure da avviare con gli interventi necessari ed urgenti a protezione del corpo stradale“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin