Castelmola, il sindaco Orlando Russo: “Una nuova funivia Naxos –Taormina” | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

La sfida per un futuro che guarda al turismo

Castelmola, il sindaco Orlando Russo: “Una nuova funivia Naxos –Taormina”

10 Agosto 2017

Il sindaco Orlando Russo da pochi mesi rieletto alla carica di primo cittadino di Castelmola uno dei centri turistici piu’ esclusivi della Sicilia per le sue forti vocazioni paesaggistiche, punta la sua sfida al rilancio turistico di una delle mete più ambite da turisti italiani e stranieri riproponendo, da una parte  due percorsi turistici e paesaggistici alternativi che sono: il primo la “Via dei Saraceni”, un itinerario piacevole e suggestivo che da Taormina  va  oltre i confini del fiume Alcantara e attraversa  Letojanni, come Mongiuffi Melia e Gallodoro. Numerose con  le sue vie di collegamento, che avevano l’aspetto di mulattiere o “trazzere” oggi ribattezzati come  “sentieri” .

Il secondo percorso invece è  la “Grotta dei monaci”, insediamento preistorico sul quale v’è un accenno in un libro di Franz Riccobono (Le Meraviglie dello Stretto di Messina) dove ancor oggi si possono ammirare frammenti di ceramica preistorica, passando attraverso stretti passaggi, la cavità sbocca su un altro versante.  Ma ciò che potrebbe veramente cambiare il volto del territorio è la realizzazione della nuova funivia  Naxos –Taormina, un’opera infrastrutturale di notevole importanza  che consentirebbe di mettere in collegamento il vasto comprensorio riducendo notevolmente i costi di trasporto e nello stesso tempo valorizzando le tradizioni culturali, turistiche, eno-gastronomiche e ambientali.

Si tratta di una vera sfida lanciata dal sindaco di Castelmola, Orlando Russo che appena rieletto alle Amministrative dell’11 giugno scorso ha rilanciato  «il progetto delle funivie la grande scommessa di questa seconda legislatura alla guida del Comune di Castelmola». «Si è concluso il momento delle elezioni – ha detto Russo – e adesso voglio essere il primo cittadino di tutti. Il mio sogno nel cassetto è quello di realizzare un sistema di collegamento integrato, attraverso le funivia, che comprenda anche il nostro paese insieme ad altre località di questo comprensorio. Quando finirò i miei 10 anni di sindacatura, nel 2022, spero di essere poi ricordato come il sindaco che avrà fatto realizzare la via di fuga per Castelmola. In ogni caso anche la riqualificazione delle strade di campagna e dell’acquedotto civico sono altre priorità».

E’ proprio nei giorni scorsi Orlando Russo insieme ai 5 sindaci dell’Unione del Comprensorio Naxos – Taormina si sono incontrati per assegnare al professore Maurizio Spina dell’Università di Catania, l’incarico dello studio e progettazione della funivia che dovrebbe essere realizzata lungo il litorale e assi di penetrazione del comprensorio Naxos- Taormina.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.