Coronavirus: successo per "Catania aiuta Catania", raccolti 340.000 euro :ilSicilia.it
Catania

GRANDE SOLIDARIETà DEL POPOLO ETNEO

Coronavirus: successo per “Catania aiuta Catania”, raccolti 340.000 euro

di
11 Aprile 2020

A dieci giorni dal lancio della campagna di solidarietàCatania aiuta Catania‘, promossa dal sindaco Salvo Pogliese, sono stati già raccolti 340.000 euro. Fondamentale il contributo di circa 1.500 cittadini, aziende, organizzazioni e associazioni, per recapitare a domicilio un pacco spesa da destinare alle persone bisognose.

Un risultato straordinario, superiore a ogni aspettativa – ha commentato il sindaco – il grande cuore dei catanesi ci sta permettendo di assistere concretamente migliaia di cittadini in difficoltà. In questi giorni abbiamo già consegnato circa 1.700 pacchi spesa con la protezione civile e la rete del volontariato e contiamo di proseguire anche nei prossimi giorni. Ricordo a chi volesse usufruirne di presentare la domanda entro le ore 12 di martedì 14 aprile, con le modalità indicate nel sito internet del Comune“.

La raccolta fondi avviene tramite la piattaforma di crowdfunding e con bonifici da effettuare sul conto corrente bancario IT43D0200816917000105890235 intestato al comune, con causale “Catania aiuta Catania”. La campagna di solidarietà continuerà per tutto il mese di aprile.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.