Catania: al via il convegno "Da città sul mare a città di mare. Iniziative di cantiere, progetti, obiettivi” :ilSicilia.it
Catania

l'annuncio

Catania: al via il convegno “Da città sul mare a città di mare. Iniziative di cantiere, progetti, obiettivi”

di
29 Settembre 2021

Si terrà alla Cittadella universitaria di Catania, presso l’aula magna Dicar, venerdì 1 ottobre prossimo, dalle ore 15.30 alle ore 19.00, e sabato 2 ottobre, dalle ore 09.00 alle ore 13.00, il convegno di studio “Catania: da città sul mare a città di mare. Iniziative di cantiere, progetti, obiettivi”.

Il gruppo degli organizzatori è formato da: Comune di Catania, Università degli Studi di Catania, Centro di documentazione, ricerca e studi sulla cultura dei rischi di Catania, Autorità di sistema portuale del Mare di Sicilia orientale, Confindustria Catania, Ance Catania, Ordine degli Ingegneri di Catania, Fondazione Ordine degli Ingegneri di Catania, Ordine degli Archiettti di Catania, Lions International, Grimaldi Lines.

Per contribuire al dibattito sul nuovo modello di sviluppo di Catania dopo la soluzione del default del Comune, il convegno si pone l’obiettivo di individuare i benefici possibili del potenziamento del porto, con il conseguenziale nuovo ruolo nell’ambito dei trasporti marittimi nell’aerea del Mediterraneo. Sono inoltre previste speficiche attività per favorire una certamente auspicabile crescita economica e sociale: dall’attuazione delle Zes agli interventi previsti nel Pnrr, dai progetti “cantieriabili” a iniziativa privata al programma per realizzare il waterfront a iniziativa pubblica.

La futura attrattività della città sarà il risultato della sinergia fra pubblico e privato, con il contributo dell’Università e dei diversi saperi che saranno messi in campo. Le iniziative descritte permetteranno a Catania, fino a oggi città sul mare, di divenire finalmente una compiuta città di mare.

La prima giornata inizierà con i saluti istituzionari di Enrico Foti, direttore del Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale della Università degli Studi di Catania, Salvo Pogliese, sindaco di Catania, Mauro Scaccianoce, presidente Ordine degli Ingegneri di Catania, Sebastian Carlo Greco, presidente dell’Ordine degli Architetti di Catania, Filippo Di Mauro, presidente della Fondazione dell’Ordine degli Ingegneri di Catania, Antonello Biriaco, presidente di Confindustria Catania e Rosario Fresta, presidente di Ance Catania.

Subito dopo, si aprirà la prima sessione, dedicata agli “Aspetti economico-finanziari”. Presenterà l’iniziativa Antonio Pogliese, presidente del Centro di documentazione, ricerca e studi sulla cultura dei rischi, cui seguiranno gli interventi di Eugenio Grimaldi del Grimaldi Group spa di Napoli (“Il porto di Catania nei trasporti marittimi del Mediterraneo”), Aldo Berlinguer, professore ordinario di Diritto Comparato presso l’Università degli Studi di Cagliari (“Le Zes per il rilancio dell’economia”), Sara Nicosia della DN logistica srl di Catania (“L’importanza dei depositi doganali in aree portuali”) e Marco Falcone, assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti della Regione Siciliana (“Le Zes in Sicilia”).

L’indomani si terrà la seconda sessione del convegno, una tavola rotonda (moderata dal giornalista Antonello Piraneo, direttore responsabile de “La Sicilia”) dedicata a “Catania città di mare” preceduta dai saluti di Vania Patanè, pro rettore dell’Università di Catania, e Carmela Librizzi, prefetto di Catania. Si confronteranno sul tema Biagio Bisignani, direttore della Direzione Urbanistica UrbaMet del Comune di Catania, Roberto Cellini, direttore del Dipartimento Economia e Imprese dell’ateneo di Catania, Alberto Chiovelli, commissario dell’Autorità di sistema portuale Catania-Augusta, Francesco Cirillo, governatore del distretto siciliano dei Lions, Rosario Faraci, professore ordinario di Economia e gestione delle imprese all’Università degli Studi di Catania, Matteo Ignaccolo, ordinario di Trasporti sempre a Catania, nonché presidente nazionale dell’Associazione italiana per l’ingegneria del traffico e dei trasporti, Rosario Lanzafame, ordinario di Sistemi per l’energia e l’ambiente all’Università degli Studi di Catania, Rosario Pavia, ordinario di Teoria dell’urbanistica all’Università degli Studi di Pescara. Concluderà di lavori Alessandro Morelli, vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Il convegno attribuisce i crediti formativi professionali agli iscritti all’Ordine degli Ingegneri.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.