Catania, "Arcaica": il progetto artistico itinerante di Giuseppe Livio | FOTOGALLERY :ilSicilia.it
Catania

Tappe anche a Palermo e Noto

Catania, “Arcaica”: il progetto artistico itinerante di Giuseppe Livio | FOTOGALLERY

di
8 Maggio 2018

CATANIA. Il gesto arcano del segno, primo e urgente desiderio d’arte e bellezza dell’uomo preistorico, è il linguaggio scelto da Giuseppe Livio per “Arcaica”, progetto artistico itinerante composto da 13 grandi carte esplorate con il carboncino.

Arcaica”, a cura di Francesco Piazza e Antonio Vitale, dal 12 al 27 maggio sarà in mostra a Catania, negli spazi del Museo Emilio Greco (inaugurazione l’11 maggio, ore 19).

Dopo la tappa catanese il progetto si sposterà a Noto (Siracusa), in settembre, al Museo Civico, e successivamente a Palermo, in ottobre, alla Galleria Giuseppe Veniero Project, ospite di Palermo Capitale della Cultura 2018.

Le carte sono figurazioni e contaminazioni. “Segni diversamente neri’ – scrive Antonio Vitale – come luoghi fuori dal tempo, rigogliosi di graffianti stranezze, capaci di riflettere il desiderio del riaffermarsi dei sentimenti rispetto alla distanza dell’indifferenza”.

Di certo è che, dopo aver esplorato la materia come scultore e l’universo cromatico del colore con la pittura, per Giuseppe Livio è arrivato il tempo di tornare al segno: nudo, scarno, essenziale.

Arcaica

Armato di carboncino, una monumentale distesa di carta davanti, Livio affida le sue istanze espressive al linguaggio primordiale della rappresentazione: è così che nasce “Arcaica”, frutto di un lavoro febbrile al quale la tecnica, affinata nel corso degli anni, conferisce il senso del colore e la profondità della composizione narrativa.

Un progetto nato da un’urgenza comunicativa, come grido sofferto a una società sorda, che ha perso il senso delle proprie origini, e forse ispirato dal nero e dalla cenere del paesaggio quotidiano di chi, come Livio, vive e si divide tra due isole e due vulcani attivi: l’Etna e Vulcano, nelle Eolie, dove l’artista coltiva le sue passioni.

Le 13 tavole –  scrive Francesco Piazza nel testo critico – raccontano un processo e, soprattutto, un’evoluzione. Descrivono ciò che ha portato l’artista a compiere quella virata che ha modificato il suo punto di vista sulle cose del mondo, introducendo nuovi elementi al suo personale paesaggio (…) Livio si è imbevuto di colori che adesso, con matura consapevolezza, sintetizza in una tavolozza grisaille”.

Arcaica” ha il patrocinio dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, del Comune di Catania, dell’Accademia di Belle Arti di Catania e Palermo e della Fondazione Orestiadi di Gibellina; è organizzata con il sostegno delle aziende vinicole Cantine Privitera e Soffio sulle Isole.

Il coordinamento è di Alessia Calvo, fotografie di Antonio Parrinello e Oriana Tabacco. Per il ciclo di opere in mostra, musiche originali composte ed eseguite al pianoforte da Cristina Cutuli.

Ingresso libero, dalle 9 alle 19; la domenica dalle 9 alle 13.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.