Catania, Bianco: "Il 'Bellini' non si tocca, la Regione mantenga gli impegni" :ilSicilia.it
Catania

"così si rischia la chiusura"

Catania, Bianco: “Il ‘Bellini’ non si tocca, la Regione mantenga gli impegni”

di
15 Aprile 2018

Dopo i tagli preannunciati ieri dal presidente della Regione, Nello Musumeci, il sindaco di Catania, Enzo Bianco, alza le barricate a difesa del Teatro Bellini. Alla paventata spending review, inevitabile secondo il governatore che ha parlato di “bilancio ingessato“, oppone il futuro dei lavoratori e le mancate ricadute economiche.

“Non mettiamo il Teatro nel calderone dei tagli alla cultura – scrive in una nota Bianco, che è presidente del consiglio d’amministrazione – sarebbe un suicidio pensare di mettere sulla strada 250 dipendenti regionali in una città  come la nostra, senza contare i mancati introiti derivanti dal turismo”.

Deve essere chiaro che se la Regione continuerà a parlare di tagli  si rischia la chiusura e che – ribadisce –  250 lavoratori  dovranno essere licenziati”.

Il Primo cittadino, poi, riconosce l’attenzione che Musumeci riserva alla questione e “Proprio per questo facciamo appello a lui e all’assessore al Turismo, Sandro Pappalardo, anche lui catanese, perchè intervengano”.

Va sottolineatocontinuacome il contributo regionale serva esclusivamente al pagamento degli stipendi del personale, dipendenti regionali, visto che il Bellini di Catania dal punto di vista delle produzioni da alcuni anni si sostiene da se’ “.

Secondo Bianco, infine, il Teatro gioca un ruolo fondamentale per lo sviluppo e l’attrattiva: “Lo dimostra il fatto che Catania sia balzata al primo posto tra le mete europee per Pasqua”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.