Catania, Bianco: "Il 'Bellini' non si tocca, la Regione mantenga gli impegni" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Catania

"così si rischia la chiusura"

Catania, Bianco: “Il ‘Bellini’ non si tocca, la Regione mantenga gli impegni”

di
15 Aprile 2018

Dopo i tagli preannunciati ieri dal presidente della Regione, Nello Musumeci, il sindaco di Catania, Enzo Bianco, alza le barricate a difesa del Teatro Bellini. Alla paventata spending review, inevitabile secondo il governatore che ha parlato di “bilancio ingessato“, oppone il futuro dei lavoratori e le mancate ricadute economiche.

“Non mettiamo il Teatro nel calderone dei tagli alla cultura – scrive in una nota Bianco, che è presidente del consiglio d’amministrazione – sarebbe un suicidio pensare di mettere sulla strada 250 dipendenti regionali in una città  come la nostra, senza contare i mancati introiti derivanti dal turismo”.

Deve essere chiaro che se la Regione continuerà a parlare di tagli  si rischia la chiusura e che – ribadisce –  250 lavoratori  dovranno essere licenziati”.

Il Primo cittadino, poi, riconosce l’attenzione che Musumeci riserva alla questione e “Proprio per questo facciamo appello a lui e all’assessore al Turismo, Sandro Pappalardo, anche lui catanese, perchè intervengano”.

Va sottolineatocontinuacome il contributo regionale serva esclusivamente al pagamento degli stipendi del personale, dipendenti regionali, visto che il Bellini di Catania dal punto di vista delle produzioni da alcuni anni si sostiene da se’ “.

Secondo Bianco, infine, il Teatro gioca un ruolo fondamentale per lo sviluppo e l’attrattiva: “Lo dimostra il fatto che Catania sia balzata al primo posto tra le mete europee per Pasqua”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin