Catania: cantante neomelodico colto sul fatto, denunciato per spaccio di droga :ilSicilia.it
Catania

OPERAZIONE DEI CARABINIERI

Catania: cantante neomelodico colto sul fatto, denunciato per spaccio di droga

7 Settembre 2019

Il cantante neomelodico Giuseppe Rosselli, in arte Pino, e’ stato denunciato dai carabinieri del comando provinciale di Catania per detenzione e spaccio di droga.

L’uomo, che ha precedenti penali per reati contro il patrimonio, e’ stato sorpreso dai militari in via Mirko, nel quartiere Picanello, mentre cedeva la droga ad un cliente. Perquisito, Rosselli aveva con se’ otto dosi di cocaina, alcune dosi di marijuana, 350 euro in contanti, presumibilmente incassati dalla vendita della droga e un bilancino elettronico di precisione.

La sostanza stupefacente e il denaro sono stati sequestrati. Rosselli e’ un cantante neomelodico autore di diverse clip, facilmente reperibili su You Tube, tra le quali una pubblicata il 13 giugno scorso dove si esibisce in viale San Teodoro 7, nel quartiere di Librino teatro di diverse operazioni di polizia, l’ultima il 5 aprile scorso quando proprio i carabinieri sequestrarono delle armi nel sottotetto di uno dei palazzi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.