Catania: due vigili del fuoco positivi al coronavirus e 13 in quarantena :ilSicilia.it

I sindacati protestano

Catania: due vigili del fuoco positivi al coronavirus e 13 in quarantena

26 Marzo 2020

Tredici vigili del fuoco di Catania si trovano in quarantena nelle loro abitazioni dopo che, nei giorni scorsi, due loro colleghi, in servizio all’aeroporto, erano risultati positivi al Coronavirus.

I sindacati, intanto continuano a denunciare la mancanza dei dispositvi di sicurezza individuale.

 

Questo rappresenta il secondo caso, a meno di un mese dal primo, di personale infetto da Covid-19, e tale situazione – si legge in una nota – desta forte preoccupazione tra gli operatori del soccorso, sia per la propria incolumità, che per quella delle proprie famiglie”

“A nostro avviso, tutte le Circolare Ministeriali inerenti le profilassi finalizzate ad evitare il contagio, ovvero, il diffondersi del virus, sono oggettivamente inapplicabili al personale vigile del fuoco – spiega la nota-. Inoltre, il secondo caso è avvenuto ad un dipendente in servizio presso la stessa sede, medesimo turno di servizio ed entro i tempi di incubazione del virus (dai 2 ai 14 giorni)”.

“Quindi, tenuto conto dell’alta percentuale di pendolari in servizio presso l’aeroporto, per lo più provenienti dalla Sicilia Occidentale, si potrebbe verificare un diffondersi dell’epidemia che metterebbe al collasso l’intera macchina del soccorso – concludono i sindacati-. “Si chiede quindi, in via precauzionale, che siano eseguiti i tamponi a tutto il personale operativo, amministrativo, funzionario e dirigenziale, in servizio presso il comando etneo, per individuare eventuali soggetti affetti da Coronavirus ed isolare gli asintomatici”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona