Catania, il rettore Francesco Priolo inaugura il 35° ciclo di dottorato :ilSicilia.it
Catania

178 i vincitori del bando

Catania, il rettore Francesco Priolo inaugura il 35° ciclo di dottorato

di
7 Dicembre 2019

Il dottorato di ricerca è una grande sfida con voi stessi, saranno tre anni fantastici e entusiasmanti e fondamentali per la vostra formazione, è il momento in cui vi potrete concentrare sul vostro campo di interesse scientifico, quindi non sprecate questa occasione perché avete tutte le potenzialità per diventare i più bravi, i massimi esperti nei settori di vostra competenza“.

Questo è l’appello rivolto dal rettore Francesco Priolo agli studenti del XXXV ciclo del Dottorato di ricerca dell’Università di Catania.

Francesco Priolo, rettore Università di Catania
Francesco Priolo

In un’aula magna del Palazzo centrale gremita, il leader dell’ateneo etneo, rivolgendosi ai numerosi dottorandi presenti (178 i “vincitori” per i 18 dottorati di ricerca), ha anche aggiunto che «alcuni avranno la possibilità di andare all’estero e potranno confrontarsi con luoghi e metodi di ricerca diversi».

Ci tengo a precisare che i ricercatori italiani sono i migliori in Europa nonostante il fatto che l’Italia sia il paese europeo che investa meno in ricerca e formazione” ha aggiunto il rettore alla presenza dei coordinatori e dei tutor dei dottorati di ricerca e del direttore generale facente funzioni, dott. Giuseppe Caruso.

Purtroppo ancora oggi in Italia non si dà molta importanza al dottorato di ricerca; eppure è il livello di istruzione più alto previsto dalla formazione post laurea dell’ordinamento universitario italiano, il punto di partenza per fare ricerca dopo la tesi di laurea – ha concluso il prof. Priolo -. Per questi motivi, per valorizzare maggiormente questa fase formativa, l’Università di Catania ha organizzato la giornata di oggi in collaborazione con la sezione catanese dell’Associazione dei Dottorandi e Dottori di ricerca italiani che svolge un ruolo fondamentale per i dottorandi“,

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.