22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.03
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Catania

Al Palazzo centrale

Catania, in mostra l’Archivio storico della “Grande Guerra” | FOTO

7 dicembre 2018
'
'
'
'

Guarda la gallery in alto 

Fino al 21 dicembre l’Archivio storico dell’Università di Catania, situato al Palazzo centrale, piazza Università 2, si potrà visitare la mostra intitolata “La Grande guerra e l’Università di Catania”, organizzata a conclusione delle commemorazioni per il centenario della Prima guerra mondiale.

In esposizione documenti, lettere, fotografie, oggetti e cimeli che testimoniano il ruolo e la partecipazione di studenti e docenti dell’Università di Catania alla Prima guerra mondiale.

Tra i milioni di vittime stimate alla fine di quella che gli storici hanno definito come la “Grande guerra”, parecchie migliaia di questi furono studenti che non riuscirono mai conseguire il titolo di laurea; giovani che ambivano a diventare medici, ingegneri, farmacisti, insegnanti, a cui però la guerra ha strappato non solo il futuro ma la stessa vita.

Ma quale fu il ruolo delle università in Italia negli anni della guerra? Con questa mostra, l’Archivio Storico dell’Università di Catania, a 100 anni dalla fine del conflitto, vuole onorare la memoria di quanti perirono nei campi di battaglia, recuperando quella visione interventista che infervorò molti degli studenti e dei docenti.

La mostra, curata da Michelangelo Calderaro, Antonino Terzo e Chiara Racalbuto, funzionari dell’Archivio diretto da Salvatore Consoli, sarà visitabile da lunedì a venerdì, ore 9-13; martedì e giovedì anche dalle 15,30 alle 17,30.

Ulteriori informazioni potranno essere inoltrate scrivendo all’indirizzo [email protected].

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.