Catania, la HJO Jazz Orchestra in concerto :ilSicilia.it

Catania, la HJO Jazz Orchestra in concerto

di
23 Dicembre 2019

Catania si conferma città della musica, potendo contare su una stagione concertistica che si arricchisce della presenza stabile dell’HJO Jazz Orchestra, la big band nata dall’idea di Benvenuto Ramaci, direttore musicale della formazione, che miete successi in ogni angolo dell’Isola e si è affermata come grande orchestra jazz e swing della Sicilia orientale.

Dopo i prestigiosi concerti che li hanno visti protagonisti, anche insieme ad alcune tra le voci più belle e interessanti del panorama jazz internazionale (una su tutte la magnetica Dee Dee Bridgewater durante il suo concerto a Noto, lo scorso anno), la formazione siciliana è pronta a inaugurare un nuovo percorso, quello che li vede protagonisti della Stagione Swing 2019/2020, diretta artisticamente da Giuseppe Calanna, che si terrà al Teatro Ambasciatori di Catania dal prossimo 27 dicembre al 24 aprile 2020.

«Sono molto orgoglioso di partecipare a quella che è la più importante novità culturale della città di Catania dell’ultimo decennio – dice il direttore artistico Giuseppe Calanna -. Con questa nuova stagione la HJO Jazz Orchestra sviluppa e realizza il proprio progetto che abbraccia diversi generi musicali, dimostrando così la professionalità di una grande orchestra, capace di confrontarsi senza timori anche con altre realtà più blasonate. Sono convinto che è nei momenti di crisi che emergono le energie migliori, e l’HJO Jazz Orchestra in questo momento rappresenta una sferzata di sano entusiasmo per tutta la città».

La Stagione Swing 2019/2020 è composta da cinque concerti di cui sarà protagonista l’HJO Jazz Orchestra – formazione che vede alternarsi sul palco 30 musicisti, per lo più giovanissimi e tutti originari del Sud est siciliano – che proporrà il suo vasto repertorio, suddiviso per “grandi aree tematiche”, avvalendosi di una formazione sempre diversa e sempre composta da almeno 17 musicisti, in cui non mancheranno alcune special guest.

La HJO Jazz Orchestra è nata ispirandosi alle grandi orchestre classiche americane, come quelle di Duke Ellington, Glenn Miller o Count Basie, proponendo un repertorio che si incentra anzitutto sulle grandi pietre miliari dello swing, quello che spopolò negli Stati Uniti dagli Anni 30 in poi, e che oggi registra in Italia una nuova primavera.

La Stagione Swing prenderà il via al Teatro Ambasciatori di Catania venerdì 27 dicembre con “Natale in Swing”, una serata in cui verranno riproposti alcuni dei brani più famosi a tema natalizio, ma anche alcuni grandi classici arrangiati in chiave swing, come quelli che l’HJO Jazz Orchestra ha pubblicato nel disco Classic in Swing, oltre ad alcuni brani che saranno interpretati dalle voci di Giulia La Rosa e Giuseppe Mandalari.

La Stagione Swing prosegue venerdì 31 gennaio con “Glenn Miller Story”, un grande omaggio al trombonista, compositore e direttore d’orchestra statunitense – primo Disco d’Oro della storia della musica – famoso per l’uso di formazioni orchestrali molto numerose, con corpose sezioni fiati, ed esecutore di alcuni dei più celebri brani dello swing come Moonlight Serenade (di cui fu autore), In the Mood, Chattanooga Choo Choo e American Patrol: tutte melodie estremamente orecchiabili e quindi adatte adatto anche ad un pubblico meno avvezzo al jazz. Il concerto dell’HJO Jazz Orchestra sarà un omaggio per note, immagini e parole, messo in scena con la regia di Ezio Donato, che ripercorrerà la storia artistica, ma soprattutto la grandezza musicale di Glenn Miller.

Nel giorno di San Valentino, venerdì 14 febbraio, il concerto “Love Songs” dell’HJO Jazz Orchestra non poteva che essere dedicato a tutte le più belle canzoni d’amore che saranno proposte da Anita Vitale, la cantante e musicista messinese conosciuta a livello internazionale, che vanta importanti collaborazioni con Lucio Dalla, Claudio Baglioni e Le Divas, solo per citarne alcune: una serata dedicata a tutti gli innamorati – ma non solo – con alcuni dei classici del jazz come Lover Man di Billie Holiday, L.o.v.e. di Natalie Cole, The Man I Love musicata da George Gershwin e cantata tanto da Billie Holiday quanto da Ella Fitzgerald, che saranno intercalati da altri classici dello swing, da Duke Ellington a Count Basie.

Reduci dal successo del live dedicato al repertorio Latin, l’HJO Jazz Orchestra rilancia con “Latin & Funk”, concerto in programma venerdì 13 marzo, durante il quale proporranno classici standard di latin jazz e funk con un repertorio tra i più vasti e compositi che annovera i pezzi che hanno fatto la storia delle Orchestre latino-americane: da Antônio Carlos Jobim a João Gilberto e Pérez Prado.

La Stagione Swing 2019/2020 dell’HJO Jazz Orchestra si conclude venerdì 24 aprile con “Cartoon & Movies”, un concerto particolarmente adatto anche alle famiglie con le più belle colonne sonore dei film, delle serie tv e dei cartoni animati arrangiate in chiave jazz e swing.

Sul palco l’imponente formazione diretta da Benvenuto Ramaci spazierà tra i temi musicali di grande successo che hanno contribuito alla popolarità di pellicole o cult televisivi come come “Batman”, “Perry Mason”, “The Blues Brothers”, “James Bond”, “Mission Impossible”, “Star Wars”, “The Muppet show”, “The Pink Panter”, “The Simpson”, “The Flik Machine” e “The Incredibles”.

«Contiamo in un pubblico giovane che ama lo swing e il jazz, che ormai si studia anche in conservatorio – commenta Ramaci – . E’ per questo motivo che abbiamo voluto mantenere dei prezzi d’abbonamento e d’ingresso molto contenuti, anche perché riteniamo che l’HJO Jazz Orchestra può essere esempio e spunto per tanti musicisti in erba che hanno voglia di imparare ascoltando il grande impatto musicale di una big band».

Forte del consenso di pubblico e critica, la HJO Jazz Orchestra, fondata sui principi della condivisione e mossa dall’amore per la musica e dalla voglia di mettersi in gioco, mira ora a diventare un nuovo punto di riferimento per la città di Catania e il Sud est siciliano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin