Catania, lascia "Diventerà bellissima" per la Lega: primo consigliere comunale salviniano :ilSicilia.it
Catania

si tratta di alessandro messina

Catania, lascia “Diventerà bellissima” per la Lega: primo consigliere comunale salviniano

di
14 Febbraio 2020

Catania ha adesso il suo primo consigliere comunale leghista. Si tratta dell’ex capogruppo di “Diventerà bellissima” della città etnea, Alessandro Messina, che ha ufficialmente aderito alla Lega di Matteo Salvini.

La formalizzazione del passaggio al Carroccio è avvenuta stamattina nel corso di una conferenza stampa, alla quale, oltre al consigliere comunale, hanno partecipato, fra gli altri, il commissario regionale della Lega, Stefano Candiani, il commissario provinciale di Catania, Anastasio Carrà, l’assessore comunale Fabio Cantarella. Presenti anche i due consiglieri dei Municipi passati alla lega a fine gennaio e provenienti dal Movimento 5 Stelle: Davide Marraffino, consigliere del secondo Municipio (Picanello, Ognina, Barriera e Canalicchio) e Diego Strano, consigliere del terzo Municipio (Borgo Sanzio).

“La squadra cresce e fa la differenza nei territori – ha detto il senatore Stefano Candiani – con una rete di amministratori sempre più preparata: la Lega ha salvato Catania dal buco di bilancio e ha scommesso sulla città, per far rimettere in moto Catania e non far subire ai catanesi una catastrofe sociale”.

“Abbiamo fatto una selezione – ha spiegato Fabio Cantarella – e abbiamo detto anche tanti no. La Lega fa entrare al suo interno coloro che mostrano sensibilità alle nostre tematiche, preparazione e impegno sul territorio”. 

“Alessandro Messina non è il primo che passa con noi in Sicilia e nel Catanese, ma è un consigliere che ha dimostrato grandi qualità e competenza, è stato il commento di Anastasio Carrà”.

 

*Fotografia di Marco Benanti

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.