Catania, nel 2022 approderanno 101 navi di 25 diversi brand crocieristici :ilSicilia.it
Catania

il fatto

Catania, nel 2022 approderanno 101 navi di 25 diversi brand crocieristici

di
17 Dicembre 2021

Catania Cruise Port ospiterà nel 2022 101 navi di 25 differenti brand crocieristici con oltre 160.000 passeggeri provenienti da tutto il mondo. Lo rende noto Catania Cruise Port affermando che si tratta di “numeri che parlano di ripresa, certamente rispetto alle ultime due stagioni (2020 con 8 scali e 4.206 passeggeri e 2021 con 21 scali e 13.579 passeggeri), e che, se pur non ancora ai livelli pre-pandemia (2019 con 113 scali e 208.509 passeggeri), premiano il porto etneo per la sua capacità operativa, dimostrata anche nei momenti piu’ difficili della recente crisi del settore”.

Il calendario al momento disponibile per il 2022 vede ancora una volta primeggiare Costa Crociere, che si conferma il principale cliente del porto con 32 navi previste scalare tra aprile e dicembre, per un totale di oltre 80.000 passeggeri movimentati. A seguire le germaniche TUI Cruises e AIDA Cruises che, rispettivamente con 15 e 16 scali e circa 50.000 passeggeri totali movimentati, rinsaldano la stima del pubblico tedesco per la destinazione.

Il nuovo anno – sottolinea Catania Cruise Port – segnerà anche l’importante risultato, grazie al positivo clima di collaborazione con l’Autorità di Sistema Portuale, della costruzione di un nuovo terminal“.

Anche in questo periodo complicato, caratterizzato dall’incertezza del mercato crocieristico e da una situazione normativa nazionale che non facilita la ripresa – afferma il general manager di Catania Cruise Port Antonio Di Monte – Catania Cruise Port si conferma come una destinazione apprezzata dagli armatori. Grazie ad un calendario decisamente interessante, alla costruzione del nuovo terminal e alle certificazioni ISO 9001 e 14001 recentemente ottenute, la nostra società inaugura il 2022 presentandosi sul mercato con vesti decisamente più attraenti“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.