Catania: padre abusa della figlia disabile mentale, arrestato :ilSicilia.it
Catania

La moglie lo scopre e lo denuncia

Catania: padre abusa della figlia disabile mentale, arrestato

di
4 Luglio 2019

Da quattro anni avrebbe “abusato sessualmente in modo sistematico” della figlia, oggi 24enne, “approfittando dello stato di disabilità intellettiva” della vittima. È l’accusa contestata dalla Procura di Catania a un 60enne che è stato arrestato da carabinieri del comando provinciale etneo per violenza sessuale aggravata in esecuzione di un’ordinanza del Gip. È stata la moglie dell’uomo, “anch’ella affetta da patologie mentali”, che ha sorpreso suo marito in bagno mentre abusava della figlia“.

La donna, dopo essersi è confidata col figlio più grande, che non vive con loro, ha presentato una denuncia ai carabinieri che hanno avviato le indagini, che sono state coordinate dal pool di magistrati della Procura di Catania qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere. La vittima, subito dopo la denuncia, a sua tutela, è stata trasferita in casa di una parente.

La perfetta osmosi investigativa tra carabinieri e magistrati, sottolinea la Procura di Catania, ha consentito, dopo la denuncia, di acquisire numerose testimonianze tra le quali quella della ragazza, sentita dopo il parere di un noto psichiatra. Le prove raccolte sono state ritenute dalla Procura “tutte comunque convergenti verso un solo responsabile di tale abominio seppur commesso in un contesto socio familiare alquanto problematico, connotato da scarsissime risorse intellettive e culturali”.

I magistrati sottolineanola mancanza di scrupolo dimostrata dall’indagato nel porre in essere dei gesti di tale gravità nei confronti della figlia disabile, nei cui confronti avrebbe dovuto, invece, apprestare condotte finalizzate all’assistenza ed alla cura”.

Evidenziata dalla Procura anche “la perseveranza dell’uomo nel perseguire lo scopo abbietto anche quando la figlia si era trasferita in casa” di una parente con “continui appostamenti e abboccamenti dove, anche in presenza della padrona di casa ‘pretendeva’ (anche afferrandola per un braccio e minacciandola) che la figlia facesse ritorno a casa”.

Particolari che hanno convinto il Gip, su proposta del magistrato titolare del fascicolo, di ritenere l’indagato “una persona socialmente pericolosa e capace di reiterare il reato, tanto da ordinarne l’immediato arresto e la reclusione nel carcere di Catania”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.