Catania, Pogliese: "Presto nuovo hub per turismo e mobilità sostenibile" :ilSicilia.it
Catania

l'annuncio

Catania, Pogliese: “Presto nuovo hub per turismo e mobilità sostenibile”

di
14 Settembre 2021

Un gran parte dell’ex Monastero Sant’Agata di via Madonna del Rosario, che nel 1998 era stato concesso in convenzione a un’associazione culturale, ma successivamente divenuto luogo di attività non autorizzate, 30 anni dopo, viene restituito al patrimonio pubblico. Grazie a un’operazione pacifica condotta dalle forze dell’ordine, Polizia di Stato, Polizia Municipale e Guardia di Finanza, in esecuzione di un’ordinanza del sindaco Salvo Pogliese, dello scorso 11 agosto, di sgombero dell’immobile settecentesco attiguo alla badia di Sant’Agata.

All’interno c’era un solo occupante che ha lasciato tranquillamente i locali con gli effetti personali, per consentire agli operai del Comune di bloccare gli accessi del vastissimo edificio di interesse storico e dell’annesso grande spazio all’aperto. Nonostante la revoca della concessione comunale all’associazione operata già nel 2001, l’edificio è stato utilizzato abusivamente, in tutti questi anni per attività non consentite, come <<centro sociale>> con disturbo della quiete pubblica anche in orari notturni.

“Uno dei Palazzi di grande pregio architettonico e di disarmante bellezza del nostro Centro Storico, sfregiato e tenuto in pessimo stato a causa di una occupazione abusiva pluridecennale” e “diventato location per rave party, musica a volume altissimo fino all’alba, fenomeni documentati e reiterati di spaccio di sostanze stupefacenti di ogni tipo. Il Centro Auro di ‘sociale’ e di ‘politico’ non aveva più nulla da molto tempo e, a differenza di altre ‘occupazioni’ del passato, era diventato un corpo estraneo nel quartiere.  Ringrazio il Prefetto, il Questore e le Forze dell’Ordine- ha aggiunto-  per la sensibilità dimostrata nel voler sgomberare, nei modi e nei tempi più opportuni, gli occupanti, restituendo a Catania, e presto ai Catanesi, un pezzo di quartiere che le è stato strappato per anni”.

A noi il compito di farlo rinascere a nuova vita e trasformarlo in luogo vissuto e punto di riferimento per cittadini e turisti. Già Monastero femminile dell’Ordine delle suore Benedettine sotto il titolo di “Sant’Agata», dal secondo dopoguerra l’immobile venne ceduto dalla Curia al Comune; per due decenni ha ospitato la tipografia del quotidiano La Sicilia ed Espresso Sera e dal 1991 è stato sede del “C. S. O. Auro”.

“L’edificio di via Santa Maria del Rosario ritorna alla Città – ha continuato il primo cittadino –  e grazie a una nostra idea progetto abbiamo ottenuto dal Ministero delle Infrastrutture un finanziamento per la ristrutturazione completa dell’immobile e la sua destinazione a hub turistico e della mobilità sostenibile, per la migliore fruizione del patrimonio Unesco. Un grande intervento di riqualificazione che segnerà il tratto di quella zona di accesso del nostro centro storico”.

Il finanziamento riguarda l’intervento “Catania Inside. Innovazione, Cultura, Turismo, Mobilità” e consiste in 8,7 milioni di euro per lavori di riqualificazione e 870 mila euro per la progettazione esecutiva e servizi complementari alla realizzazione dell’intervento.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin