Catania: positivo al Covid viola la quarantena per andare alla posta, denunciato :ilSicilia.it
Catania

L'INTERVENTO DELLA POLIZIA DI STATO

Catania: positivo al Covid viola la quarantena per andare alla posta, denunciato

di
27 Ottobre 2020

Un uomo di 31 anni che a Catania ha violato la quarantena per recarsi in un ufficio postale in Via Plebiscito. L’uomo è stato riaccompagnato a casa e denunciato dalla Polizia di Stato per violazione delle leggi sanitarie.

IL FATTO

Gli agenti sono intervenuti dopo che era stato segnalato un assembramento per strada. L’uomo, risultato inserito nelle liste dei pazienti positivi al Covid-19 e quindi in quarantena, agli agenti ha detto di esser uscito di casa perché venerdì scorso aveva ricevuto la telefonata da parte di un incaricato dell’Unità speciale di continuità assistenziale (Usca) dell‘Asp di Catania che gli avrebbe comunicato la negatività al tampone.

Agli agenti non ha però mostrato nessuna documentazione sanitaria che attestasse la sua negatività. Anche gli accertamenti compiuti dalla Polizia di Stato all’Asp hanno confermato ancora il suo stato di persona sottoposta alla quarantena.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin