Catania: pronta la mappa del rischio dell'Etna :ilSicilia.it
Catania

pericolosa la Valle del Bove

Catania: pronta la mappa del rischio dell’Etna

26 Novembre 2019

Il gruppo TecnoLab dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) di Catania ha elaborato la mappa di rischio dell’Etna. La rilevazione del fisico Ciro Del Negro, coordinatore dell’istituto, è stata pubblicata sul bollettino della società americana GSA Bullettin, specializzata in Geologia.

In seguito alla triplicazione della popolazione alle pendici dell’Etna negli ultimi 150 anni, è aumentato il rischio per l’incolumità delle stesse comunità locali.

“Bisogna premettere – dice Del Negro all’ANSA – che la pericolosità ci dice quali aree possono essere soggette alla minaccia del fenomeno vulcanico. Il rischio invece valuta sia la pericolosità, sia quante persone e beni possono essere esposti a quella minaccia”.

La mappa del rischio elaborata da TecnoLab mostra che la zona esposta al livello di pericolo maggiore è la disabitata Valle del Bove, mentre la zona più a rischio è la Costa Orientale, dove c’è una maggiore densità abitativa. Combinando la posizione dei principali centri abitati sull’Etna con quelli in cui il rischio è elevato, è stato identificato il fianco sud-orientale come il settore con il più alto livello complessivo di rischio dovuto alle eruzioni effusive, che producono colate di lava.

“Nella Valle del Bove – spiega Del Negro – la pericolosità è molto alta. Però, siccome l’area è disabitata e non ci sono infrastrutture, il rischio è basso. Nella zona sud, dove ci sono grossi centri urbani e infrastrutture, anche se la pericolosità potrebbe essere bassa, perché le colate possono raggiungerla con difficoltà, il rischio è molto elevato, perché basta una sola colata per fare danni”.

 

 

LEGGI ANCHE:

“Catania, alto pericolo terremoti”: l’Ance chiede l’aggiornamento del rischio sismico | VIDEO

L’Etna scivola lentamente verso il mare: non si esclude il rischio tsunami

 

Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Scuola, “prorogare il contratto degli insegnanti precari”

Giovanna D’Agostino è la presidente dell’Associazione “Insieme per il sostegno” di cui fanno parte centinaia di insegnanti precari. In questa intervista si fa portavoce del sentire degli insegnanti precari chiedendo al Governo Conte la proroga del contratto al 31 agosto per tutti i precari della scuola
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona