13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.32
Catania

LA GARA SI CHIUDE FRA 48 ORE

Catania: realizzare un videogame sulla natura, la sfida della “University Game Jam”

11 Settembre 2019

Nell’edificio della Didattica di Ingegneria dell’Università di Catania,  è stata lanciata stamani la prima edizione della “University Game Jam, una competizione all’esordio rivolta a tutti gli appassionati di sviluppo di videogiochi. La sfida tecnologica prevede la creazione di un gioco a tema “natura”, challenge a cui hanno risposto cinque team, per un totale di 37 partecipanti.

Francesco Priolo, rettore Università di Catania
Francesco Priolo, rettore Università di Catania

Ideata e organizzata da “Citing“, gruppo studentesco fondato nel 2016 da allievi di Ingegneria informatica ed elettronica del dipartimento di Ingegneria elettrica elettronica e informatica (Dieei), la manifestazione è supportata dall’Ateneo di Catania che, come ha spiegato il rettore  Francesco Priolo, «sosterrà le iniziative degli studenti, i veri e principali attori, e non più semplici fruitori, dell’Università di Catania perché questa è l’università che vogliamo e che dobbiamo costruire proprio insieme con gli studenti».

I partecipanti avranno 48 ore di tempo (fino a venerdì 13 settembre) per sviluppare le texture, e in generale, il concept del videogame, grazie all’apertura continuata dei locali universitari, dando così la possibilità alle squadre di potersi confrontare e fare team-working. «L’Università deve essere questa – ha aggiunto il prof. Priolo – aperta agli studenti. E questa iniziativa, che parte proprio da loro, dovrà essere replicata più volte nel tempo. Ringrazio tutti i partecipanti e che vinca il migliore!».

L’Università di Catania si rivela all’avanguardia sul tema videogiochi, vista la benedizione del CIO (Comitato Olimpico Internazionale) ad una futura entrata degli e-sport nel panorama iridato. Il mondo dei videogiochi si muove su di una dimensione sempre più tendente al realismo, con grosse case video-ludiche che investono milioni di euro sui motori grafici di alcuni titoli, soprattutto nei c.d. MMORPG.

Sulla stessa linea il prof. Giacomo Morabito, referente dell’Ateneo per l’iniziativa, «aperta a tutti perché l’università è inclusiva, un patrimonio di tutti con i ragazzi protagonisti e che, grazie al videogioco, dovranno fare squadra e mettere insieme competenze, creatività, programmazione e trovare anche gli approcci al gioco per creare qualcosa divertente».

Soddisfatto anche Cristian Barbera di “Citing” che ha evidenziato «l’importanza del supporto dell’Ateneo che, grazie a queste iniziative, dimostra di essere al passo e vicino agli studenti».

«Il tema su cui si sfideranno i partecipanti è molto attuale e consente numerose possibilità interpretative nello sviluppo del videogioco – ha aggiunto Barbera -. L’obiettivo dell’iniziativa è creare una collaborazione all’interno del team e tra i vari team, ma anche nuovi legami all’interno dell’università, magari volti a futuri fini professionali e lavorativi, smentendo il concetto di università come sterile luogo di solo studio. Abbiamo registrato la partecipazione di studenti dei dipartimenti di Matematica e Informatica, di Ingegneria elettrica, elettronica e informatica e dell’Accademia delle Belle Arti, ma anche dottorandi di ricerca».

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.