Catania, studente di destra pestato da trenta estremisti dei centri sociali | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Catania

Frattura dello zigomo e 30 giorni di prognosi

Catania, studente di destra pestato da trenta estremisti dei centri sociali

21 Marzo 2019

Aggredito un giovane militante di destra da oltre 30 estremisti dei centri sociali di sinistra.

Il fatto è avvenuto alla scuola De Felice di Catania, stamani mentre svolgeva un volantinaggio sulle prossime attività di Assalto studentesco, sigla collegata allo Spazio Libero Cervantes; il giovane militante, Enrico M., è stato aggredito da oltre trenta estremisti ritenuti vicini a diverse sigle dell’estrema sinistra catanese e ai centri sociali.

Se qualche vigliacco pensa di intimidirci con azione mafiose – 30 contro 1 – si sbaglia. Nessuno di noi è solo – sottolinea l’associazione studentesca – ha dietro i suoi fratelli e i militanti con cui condivide i sogni, le idee e i progetti. Non cediamo il passo a chi non ha idee su cui confrontarsi, ancora più forte di prima proseguiremo la nostra azione. Le fratture passano, l’azione infame di questi zoticoni di sinistra resta’‘.

I medici hanno riscontrato una frattura dello zigomo e dato al ragazzo trenta giorni di prognosi.

Solidarietà al giovane aggredito è stata espressa da tutti i partiti e le formazioni politiche di destra, da Fratelli d’Italia alla Lega, fino agli altri gruppi della destra siciliana, fra cui Casapound e Forza Nuova.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.