Catania, tangenti all'Anas: sequestro da 300mila euro a sei funzionari infedeli :ilSicilia.it
Catania

L’inchiesta "Buche d’oro"

Catania, tangenti all’Anas: sequestro da 300mila euro a sei funzionari infedeli

di
15 Febbraio 2020

Beni per complessivi 300mila euro sono stati sequestrati dalla guardia di finanza del comando provinciale di Catania a sei funzionari dell’area compartimentale dell’Anas del capoluogo etneo indagati nell’ambito dell’inchiesta “Buche d’oro”.

Il provvedimento, finalizzato alla confisca, è stato emesso dal Gip su richiesta della Procura. Al centro dell’inchiesta le indagini del nucleo di Polizia economico finanziaria di Catania su quelli che i Pm definiscono “rodati circuiti corruttivi all’interno dell’Anas di Catania che hanno visto coinvolti funzionari infedeli responsabili della manutenzione programmata di strade e raccordi della Sicilia Orientale e imprenditori corruttori compiacenti”.

Il sequestro, spiega la Procura, ha lo “scopo di privare” i 6 indagati “delle risorse economiche che sono frutto e prezzo delle relazioni illecite” ottenute “contrattando risparmi sui lavori da effettuare, drenando rilevanti risorse pubbliche destinate a cura e manutenzione di arterie vitali per i siciliani“.

finanza, anas catania, buche d'oroIl provvedimento di sequestro, finalizzato alla confisca dei beni, eseguito dal nucleo Pef delle Fiamme gialle, è stato emesso dal Gip, su richiesta della Procura, nei confronti di sei funzionari del Compartimento Anas di Catania. All’ingegnere Giuseppe Romano, 49 anni, già responsabile della Manutenzione programmata e Rup dei lavori pubblici, sono stati sequestrati, tra conti correnti e una porzione immobiliare, beni per circa 100 mila euro.

All’ingegnere Antonino Urso, 40 anni, già già capo centro Manutenzione ‘A’ sono state sequestrate disponibilità bancarie per 16.000 euro. Al geometra Riccardo Carmelo Contino, 52 anni, già capo centro Manutenzione ‘D’ sono stati sequestrate disponibilità bancarie e una porzione immobiliare per 74 mila euro. Al geometra Giuseppe Panzica, 49 anni, già capo nucleo ‘B’ del centro di Manutenzione gestito da Contino, sono stati sottoposti a vincolo reale conti correnti bancari e una parte di fabbricato 50.000. A Giorgio Gugliotta, 46 anni, già capo nucleo ‘C’ del Centro di manutenzione ‘D’ diretto da Contino, è stata sequestrata un’autovettura per il corrispondente valore di 26 mila euro. Al geometra Gaetano Trovato, di 55 anni, capo nucleo ‘B’ del centro di Manutenzione A diretto dall’ing. Urso, sono stati cautelati conti correnti per 16 mila euro.

 

 

LEGGI ANCHE:

Corruzione all’Anas, scatta il blitz: nove arresti a Catania fra colletti bianchi | I NOMI

Mazzette all’Anas, i retroscena del blitz: ecco come truccavano le gare

Tangenti all’Anas, scarcerato l’imprenditore Iacuzzo

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.