Catania, torna in libertà il padre del sindaco Pogliese: accolte le richieste dei legali :ilSicilia.it
Catania

arrestato lo scorso 14 febbraio

Catania, torna in libertà il padre del sindaco Pogliese: accolte le richieste dei legali

21 Maggio 2019

Torna in liberta’ Antonio Pogliese, 75 anni, il dottore commercialista catanese arrestato lo scorso 14 febbraio nell’ambito dell’inchiesta ‘Pupi di pezza’.

Il professionista era finito ai domiciliari per alcuni episodi di bancarotta ed evasione fiscale per un cifra complessiva stimata in circa 220 milioni di euro.

A deciderlo e’ stato il Gip di Catania che ha accolto la richiesta dell’avvocato Giampiero Torrisi, difensore di Pogliese e padre del sindaco di Catania Salvo, estraneo all’inchiesta, col parere positivo della Procura.

Intanto la Procura ha emesso l’avviso di conclusione indagini per 14 dei 17 indagati nelle indagini avviate dalla Guardia di Finanza, ridimensionando i capi di imputazione: non sono piu’ contestati i reati di associazione per delinquere e favoreggiamento personale e reale.

Il provvedimento, oltre che a Pogliese, e’ stato notificato a Michele Catania, Salvatore Pennisi, Salvatore Virgillito, Antonino Grasso, Concetta Galifi, Rosario Patti, Alfio Sciacca, Nunziata Conti, Enrico Virgillito, Antonio Vitellino, Antonella Scarso, Orazio Massimino, e Rosario Siscaro.

Stralciate le posizioni di tre indagati Antonio Grasso, Giuseppe Andrea Grasso e Francesco Viola.

 

LEGGI ANCHE:

Catania, Pogliese sull’arresto del padre: “La sua condotta sempre adamantina”

Bancarotta ed evasione fiscale: nove arresti eccellenti a Catania, c’è anche il padre del sindaco

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.