Catania, via libera al piano triennale opere pubbliche e al Dup 2020/2023 :ilSicilia.it
Catania

dal consiglio comunale

Catania, via libera al piano triennale opere pubbliche e al Dup 2020/2023

di
3 Novembre 2021

Proficua seduta ieri sera del consiglio comunale di Catania presieduto da Giuseppe Castiglione che con 19 voti favorevoli ha deliberato in prima convocazione l’approvazione del Piano triennale delle opere pubbliche e del documento unico di programmazione, per gli anni 2020/2023. Entrambi sono atti propedeutici all’adozione del bilancio di previsione 2020/2023, ultimo dei documenti contabili degli anni pregressi ancora in attesa di approvazione, dopo il dissesto finanziario decretato dalla Corte dei Conti il 4 maggio del 2018 e deliberato dal consiglio comunale 13 dicembre dello stesso anno.

Il piano delle opere pubbliche è stato illustrato all’aula dall’assessore ai lavori dall’assessore ai lavori pubblici Enrico Trantino che ha anche presentato un emendamento per conto dell’Amministrazione Comunale, con 22 opere pubbliche da inserire nella programmazione, che integrano e aggiornano il piano originario. Tutti interventi da realizzare con fonti finanziamento esterne al bilancio comunale; a cominciare da quelli comunitari e regionali, ma anche compensative per il riequilibrio territoriale con interventi di riqualificazione di diverse zone cittadine finanziate da Terna che sta potenziando un elettrodotto che attraversa l’area etnea.

Il documento unico di programmazione per la formazione del bilancio 2020/2023 è stato invece relazionato all’aula dal vicesindaco e assessore alle finanze Roberto Bonaccorsi, atto di pianificazione finanziaria che è stato anch’esso adottato dal consiglio comunale con 19 voti favorevoli.

Il consiglio comunale, infine, ha approvato un ordine del giorno, promosso dai tutti i capigruppo consiliari che impegna il Sindaco e l’Amministrazione Comunale affinché si faccia portavoce, a livello nazionale e regionale in relazione all’impiego delle risorse del Piano di Ripresa e Resilienza, al fine di riconoscere concretamente il ruolo strategico dell’industria del farmaco nell’area etnea, favorendo l’implementazione di una Farma Valley Catanese, in cui Pfizer Catania giochi un ruolo fondamentale anche a favore di tutta l’area del Mediterraneo, per tutelare il diritto alla salute e alla vita dei cittadini.

Stasera il consiglio comunale tornerà a riunirsi in modalità mista, da remoto e in presenza a palazzo degli elefanti, per la relazione di presentazione e il dibattito sul bilancio di previsione 2020/2023.

Sul fronte consiliare va registrata la formazione del gruppo “Catania 2.0” a cui aderiscono i consiglieri Francesca Ricotta, Dario Grasso e Giuseppe Gelsomino (capogruppo). Scompare invece il gruppo di Italia Viva: il consigliere Mario Tomasello, che ne era uno dei tre componenti, è confluito nel Misto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin