Cavallo stramazzato a terra a Palermo, l'Italian Horse Protection: "Accertare le responsabilità" :ilSicilia.it

l'appello

Cavallo stramazzato a terra a Palermo, l’Italian Horse Protection: “Accertare le responsabilità”

di
27 Luglio 2021

“Un regolamento di svolgimento del servizio di trasporto pubblico con carrozze trainate da cavalli, che non abbia dei limiti e delle tutele minime per il benessere degli animali, secondo noi e’ una grave lacuna che crea i presupposti per l’incidente avvenuto a Palermo. Questo e’ un fatto gravissimo che ci porta a chiedere alle autorita’ competenti di accertare le responsabilita’, comprese quelle del sindaco che e’ responsabile del benessere animale su tutto il territorio”.

Commenta cosi’ Sonny Richichi, presidente di IHP (Italian Horse Protection, la prima associazione italiana di tutela dei cavalli) l’episodio avvenuto lo scorso 23 luglio in pieno centro a Palermo, dove un cavallo che trainava una carrozza per turisti e’ stramazzato al suolo per la fatica e per il caldo.

“Quello di Palermo e’ un regolamento articolato per la burocrazia dell’assegnazione delle licenze e degli spazi, ma invece molto scarno per quanto riguarda la tutela degli animali: non e’ neanche menzionato un limite di temperatura per poter svolgere il servizio. Per tali motivi riteniamo il fatto ancora piu’ grave dell’incidente avvenuto in piazza della Signoria a Firenze qualche settimana fa, perche’ li’ si e’ trattato di un episodio isolato di un cavallo spaventato con tutte le circostanze del caso – commenta il presidente di IHP che a inizio luglio ha consegnato 35mila firme al Comune di Firenze per chiedere di fermare le carrozze nel centro storico -. Qui si tratta di sottoporre volontariamente i cavalli a un servizio in condizioni che possono divenire insopportabili”.

“Ricordiamo – conclude Richichi – che lo scorso ottobre una turista ci aveva segnalato la presenza in centro a Palermo di un cavallo magrissimo attaccato a una carrozza. Scrivemmo immediatamente alle autorita’ per chiedere che fosse individuato e sequestrato, ma nessuna risposta ci e’ giunta da allora”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin