Cefalà Diana: dalla Regione 30 mila euro per la riapertura delle Terme :ilSicilia.it

Cefalà Diana: dalla Regione 30 mila euro per la riapertura delle Terme

di
23 Settembre 2020

La Regione ha stanziato quasi 30 mila euro per far fronte agli interventi di manutenzione straordinaria necessari alla completa riapertura delle Terme di Cefalà Diana. Gli storici bagni termali, al momento, sono visitabili solo previa prenotazione e appuntamento. La Soprintendenza dei Beni Culturali di Palermo potrà ora avviare la fare operativa, contattando le ditte che, nel giro di poche settimane, dovranno effettuare i lavori e restituire il bene monumentale alla definitiva fruizione pubblica“.

Lo ha reso noto l’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà, per il quale “il complesso Termale di Cefalà Diana, con la sua unicità a livello internazionale e l’alto valore architettonico-monumentale che lo connota, rappresenta un unicum dalla forte attrattiva culturale per la comunità di Cefala’ Diana e per l’intero comprensorio, che va restituito alla definitiva fruizione pubblica nel tempo più breve”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.