Cefalù-Castelbuono, si sblocca l'impasse: "I lavori ripartono, ecco il nuovo cronoprogramma" :ilSicilia.it
Palermo

lunedì 13 gennaio la ripresa

Cefalù-Castelbuono, si sblocca l’impasse: “I lavori ripartono, ecco il nuovo cronoprogramma”

di
9 Gennaio 2020

Si sblocca la vertenza sui lavori al Raddoppio ferroviario Cefalù-Castelbuono, lungo la direttrice Palermo-Messina. Ad annunciarlo è l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, che in una nota spiega che oggi si è tenuta nella sede dell’Assessorato un vertice dedicato all’opera che vale circa 500 milioni di euro.

Alla riunione erano presenti anche i rappresentanti delle sigle sindacali, l’ad di Toto Costruzioni Alfonso Toto e il direttore territoriale di Rfi Filippo Palazzo.

I vertici dell’impresa Toto dichiara l’assessore Falcone – hanno preso l’impegno al riavvio del cantiere per lunedì prossimo, dopo aver fornito garanzie sull’avvenuta risoluzione delle problematiche organizzative dell’impresa che avevano portato allo stallo sui lavori. L’ad Alfonso Toto ha inoltre sottoposto al Governo Musumeci un cronoprogramma riaggiornato che prevede per il 2020 una produzione di oltre 87 milioni di euro che dovranno diventare 108 milioni circa nel 2021, oltre 90 milioni nel 2022 e 39 milioni nel 2023″.

Vertice Raddoppio Cefalù-Castelbuono“Nell’ottica di tale progressivo rilancio del cantiere – prosegue l’esponente del Governo Musumeci – si registrerà a partire dalla primavera l’aumento del personale impiegato sui vari fronti dell’opera, con l’impegno a mantenere saldo e proficuo il rapporto con manodopera e fornitori locali. Fra venti giorni – preannuncia poi Falcone – saremo inoltre sul posto per una verifica sul campo del rispetto degli accordi presi oggi fra Regione, Toto costruzione, Rfi, sindacati e lavoratori nello spirito di una virtuosa sinergia che dovrà consegnare, entro il 2023, un’opera che rivoluzionerà il trasporto ferroviario fra Palermo, l’aeroporto di Punta Raisi, Cefalù e l’intero settore tirrenico della Sicilia”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Raddoppio Cefalù-Castelbuono, tensione nel cantiere: “Tutto fermo, preoccupazione alta”

“Stop al raddoppio Cefalù-Castelbuono”, rischio nuove incompiute in Sicilia

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.