15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31
Palermo

Patrimoni Unesco: arrivano in fondi a Cefalù, mentre scatta la polemica su Monreale

Cefalù. Il duomo sarà ristrutturato, dalla Regione arrivano 2,7 mln

8 Febbraio 2017

La cattedrale di Cefalù, inclusa con quelle di Palermo e Monreale tra i siti arabo-normanni del patrimonio Unesco, sarà ristrutturata. Il progetto della Sovrintendenza ai Beni culturali di Palermo è stato finanziato dalla Regione.

I lavori costeranno due milioni e 700 mila euro: si tratta di fondi del piano Fesr 2014-2020. I lavori riguarderanno anche il mosaico del Cristo pantocratore dal quale recentemente si sono staccate alcune tessere. “Questa – dice il sindaco Rosario Lapunzina – è una bella notizia. Si aggiunge a una nota del dipartimento regionale dei Beni culturali con la quale comunica un importante passo avanti dell’iter che porterà, entro l’anno in corso, alla conclusione dei lavori di restauro e di sistemazione dell’accesso monumentale (scalinata e sagrato) della cattedrale”. Queste opere hanno avuto un finanziamento di 619.756 euro.

 

In Sicilia “sia la proprietà, sia la tutela dei beni culturali è totalmente affidata alla Regione“, ma “in assenza di una futura, possibile ridistribuzione di competenze io offro tutta la collaborazione che il ministero può offrire per la valorizzazione di un sito Unesco. Lo ha detto il ministro della cultura Dario Franceschini rispondendo oggi al Question Time alla interrogazione di Gabriella Giammanco (Forza Italia) che lamentava una situazione di degrado per il sito di Monreale, dichiarato patrimonio Unesco nell’ambito del percorso Arabo Normanno, e chiedeva un intervento del ministero “anche con l’invio di ispettori”.

duomo di MonrealeIn Sicilia, ha ricordato il ministro, lo Stato sui beni culturali “non ha nessuna competenza, le stesse soprintendenze sono dipendenti dalla Regione. Io non ho nessun titolo a mandare ispettori, nessuna possibilità di intervento”, ha aggiunto Franceschini. Nell’interrogazione, la deputata lamentava “molte criticità” per il sito, dai collegamenti “scarsi e inadeguati”, a carenze di parcheggio, dalla mancanza di un ufficio turistico alla “assenza di servizi igienici a disposizione dei visitatori”, oltre ad un evidente degrado ambientale molto visibile e sotto gli occhi di tutti”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.