Cefalù, sversamento di liquami in mare. Scatta il sequestro dell'impianto fognario [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

Il provvedimento del Commissariato di polizia diretto da Manfredi Borsellino

Cefalù, sversamento di liquami in mare. Scatta il sequestro dell’impianto fognario [VIDEO]

28 Dicembre 2017

CEFALÙ (PA). La Polizia, in esecuzione di un decreto emesso dalla procura di Termini Imerese (PA), ha sequestrato l’impianto di sollevamento fognario installato in piazza Marina a Cefalù (PA). Il provvedimento è stato emesso dopo indagini del commissariato che “ha accertato una condizione di grave inquinamento ambientale dell’area marittima che si trova a ridosso del molo di Cefalù provocata dal continuo sversamento in mare di liquami fognari non trattati provenienti dalle vasche di raccolta e sollevamento del sistema fognario della città”. 

Nel corso dei controlli, si legge ancora nel provvedimento del Commissariato di polizia diretto da Manfredi Borsellino, “si è avuto modo di accertare la non occasionalità dell‘illecito sversamento (che si protrarrebbe da quasi un mese) e la conseguente compromissione significativa della porzione di mare interessata dall’abusivo smaltimento degli scarichi fognari”.

I liquami in mare sono causati dal cattivo funzionamento di alcune pompe di sollevamento dell’impianto. Alle operazioni hanno preso parte tecnici dell’Arpa, che hanno provveduto al prelievo ed alla campionatura delle acque per le analisi tecniche. L’ipotesi di reato, al momento a carico di ignoti, è quella inquinamento ambientale con conseguente deterioramento dell’ecosistema, della flora e della fauna marina, con l’aggravante che l’inquinamento ricade in un’area sottoposta a speciali vincoli storici, paesaggistico-ambientali e naturalistico-archeologici come quella a ridosso delle mura megalitiche del centro storico di Cefalù e di uno dei tratti di mare più protetti e suggestivi della Sicilia occidentale.

Alle operazioni hanno preso parte tecnici dell’ARPA, che hanno provveduto al prelievo ed alla campionatura delle acque per le successive analisi tecniche.

L’amministrazione comunale di Cefalù aveva chiesto a una ditta specializzata di riparare i guasti alle pompe dell’impianto fognario sequestrato per ordine della Procura. LManfredi Borsellino,o ha reso noto il sindaco Rosario Lapunzina che aveva firmato un’ordinanza per il ripristino delle “condizioni di funzionalità e di sicurezza igienico-sanitaria” dell’impianto.

La vicenda, ha aggiunto il sindaco, si inquadra nella questione, ancora irrisolta, dell’affidamento del servizio idrico integrato a un “gestore unico”. La sua individuazione spetta all’Ati (Assemblea territoriale idrica) di Palermo, “già diffidata dall’Assessorato regionale energia e, malgrado ciò, ancora inadempiente”.

“Il Comune di Cefalù – ha ancora precisato il sindaco – non è abilitato alla gestione diretta del servizio né al suo affidamento a terzi. Tuttavia, proprio in ragione dell’accertato stato di non regolare funzionamento dell’impianto e della possibilità che potessero verificarsi condizioni di disagio ambientale con connessioni di natura igienico-sanitaria, il 14 novembre è stata emanata, nei confronti di una ditta specializzata nel settore, apposita ordinanza sindacale, volta alla ‘esecuzione delle opere urgenti finalizzate al ripristino della generali condizioni di funzionalità e di sicurezza igienico-sanitaria degli impianti della stazione di sollevamento di Piazza Marina’. Le ragioni che non hanno consentito il pronto ripristino della funzionalità saranno oggetto di immediata verifica, in uno alla ditta onerata dell’intervento ed al competente Servizio Manutenzioni”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.