#celafaremo: artisti siciliani cantano in diretta per Papa Francesco :ilSicilia.it

in diretta la domenica di Pasqua

#celafaremo: artisti siciliani cantano in diretta per Papa Francesco

10 Aprile 2020

In questa Pasqua insolita, segnata dall’isolamento sociale per contenere il Coronavirus, un gruppo di artisti siciliani ha pensato di omaggiare Papa Francesco con un concerto che verrà trasmesso in diretta, on line, domenica 16 aprile dalle ore 16 dal sito www.concertodipasqua.it.

L’idea è stata la pianista Liana D’Angelo e si intitola #celafaremo.

Liana D'Angelo
Liana D’Angelo

L’esibizione vedrà su un palcoscenico virtuale 36 artisti siciliani che vivono in diverse località italiane ed hanno registrato, ciascuno secondo le proprie competenze, all’interno delle loro abitazioni.

Musicisti, attori, ballerini si alterneranno in un avvicendarsi armonico di musiche, canti, danza, recitazione e pittura.

Una pittrice, infatti, che nel corso del concerto realizzerà un’opera sulla Risurrezione del Cristo, in diretta, opera che sarà inviata successivamente a Papa Francesco.

Nell’home del sito è già attivo un countdown che porta all’appuntamento con i nomi e i volti degli artisti coinvolti che daranno vita al concerto.

Ancora una volta il comune sentimento di vicinanza, nutrito dall’arte nelle sue diverse espressioni, testimonia come si può comunque essere vicini.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.