Cena da "sballo": cibo a base di canapa, 6 intossicati nel Catanese :ilSicilia.it
Catania

A Bronte

Cena da “sballo”: cibo a base di canapa, 6 intossicati nel Catanese

di
6 Ottobre 2018

Sei persone, tre uomini e tre donne, sono state ricoverate d’urgenza all’ospedale Prestianni di Bronte (CT) perché accusavano sintomi da grave intossicazione, come dolori addominali, torpore agli arti superiori ed inferiori e difficoltà nel deambulare.

Dalla prima anamnesi dei medici, è risultato che avevano cenato insieme ingerendo alimenti preparati in casa utilizzando, tra gli ingredienti, infiorescenze e foglie di canapa sativa.

I carabinieri, intervenuti per approfondire la causa della grave intossicazione che aveva colpito le sei persone e, in accordo con l’Autorità Giudiziaria, hanno sequestrato sia il cibo preparato che gli oltre 500 grammi di canapa sativa, tra infiorescenze e sostanza tritata, trovati in casa e che, come disposto dal magistrato titolare dell’indagine, nei prossimi giorni sarà esaminata dai Carabinieri del Lass del Comando Provinciale di Catania al fine di stabilire l’esatta qualità e il grado di tossicità.

 


LEGGI ANCHE:

Salute, via all’uso terapeutico della cannabis in Sicilia

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.